rotate-mobile
Cronaca

Cortei e manifestazioni, Dipiazza: "Momento della massima durezza, non più tollerabile"

Il primo cittadino firmerà l'ordinanza con cui verranno previste "pesanti sanzioni" per gli organizzatori che non faranno rispettare le misure anti contagio come l'utilizzo della mascherina e il distanziamento sociale

E' un Roberto Dipiazza che tenta di superare l'amarezza per quanto visto nelle ultime settimane sul fronte dei cortei grazie ad un pragmatismo al servizio della salute non più rinviabile. Nella mattinata di oggi il primo cittadino ha annunciato l'arrivo di un'ordinanza sindacale dove "pesanti sanzioni" vanno ad aggiungersi al divieto, fino al 31 dicembre, di manifestare in piazza Unità. "Sono cresciuto nel rispetto della Costituzione e ho sempre governato rispettando le leggi. L'immagine di Trieste è stata negativa in questo periodo e non è tollerabile che poche persone abbiano messo in ginocchio una città. E' una cosa molto grave". 

Furia Fedriga: "Basta idiozie, i vaccini non sono sperimentali"

Il primo cittadino di Trieste non è contento della situazione e condivide, assieme al governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga e al prefetto Valerio Valenti, la preoccupazione per la crescita esponenziale della curva epidemiologica regionale, ed in particolar modo quella relativa al capoluogo giuliano. "Piazza Unità sarà off limits per tutte le manifestazioni, gli organizzatori verranno puniti con ammende importanti" così Dipiazza. "Finire di nuovo in zona gialla sarebbe un disastro. Mai avrei pensato di vedere questa situazione. Da oggi chiedo di esercitare questo potere ed evitare che succeda di nuovo". Secondo Dipiazza è arrivato il momento della "massima durezza". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cortei e manifestazioni, Dipiazza: "Momento della massima durezza, non più tollerabile"

TriestePrima è in caricamento