rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Cronaca

"Trieste non sia ostaggio di una minoranza" sindacati contro la piazza anti Green Pass

"Il forte legame tra il porto, i suoi lavoratori e la città non può e non deve essere compromesso da persone che con il porto non hanno nulla a che fare. Non si esasperi la situazione" così le segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil

"Il forte legame tra il porto, i suoi lavoratori e la città non può e non deve essere compromesso da persone che con il porto non hanno nulla a che fare". A dirlo sono le segreterie sindacali di Cgil, Cisl e Uil in una nota inviata alla stampa nella mattinata di oggi 17 ottobre. Da ormai tre giorni il varco 4 del molo VII è teatro di un presidio di manifestanti contro l'obbligatorietà del Green Pass sul luogo di lavoro. Secondo i confederati i "molti lavoratori portuali che in questi giorni hanno scelto di lavorare" dimostrano "grande responsabilità e senso di appartenenza". 

"Le legittime manifestazioni di dissenso - secondo la triplice - devono essere garantite, ma non possono impedire ad un porto e ad una città di continuare a generare reddito e prospettive per il futuro. Quelle persone che hanno dimostrato solidarietà a quei lavoratori portuali in presidio facciano un passo in avanti e liberino il porto e quei lavoratori da un peso e una responsabilità che non hanno. Non si esasperi questa situazione perché, nel rispetto di tutte le idee, chiediamo che la maggioranza non sia ostaggio di una minoranza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Trieste non sia ostaggio di una minoranza" sindacati contro la piazza anti Green Pass

TriestePrima è in caricamento