Cronaca

Dal 22 luglio arriva in libreria "Trieste senza bora", il nuovo romanzo di Corrado Premuda

Un ragazzo e una sorprendente rivelazione, una pittrice triestina e tre artisti: un romanzo in tre parti, quasi tre racconti lunghi ambientati nella città di Trieste, che è al contempo sfondo e protagonista della narrazione.

Un’affascinante musicista si aggira per le strade di Trieste col suo flusso di pensieri: avrebbe voluto diventare pianista e invece è un’icona della canzone pop. È reduce da una grave malattia e in attesa di un misterioso appuntamento. Un grande artista polacco viene invitato a Trieste per un ambizioso progetto teatrale incentrato sulla storia d’Europa. Tutti sono eccitati a causa della sua presenza ma lui è distratto da altri pensieri, come se il vero scopo di quell’arrivo in città fosse una sua ricerca personale.

Un ragazzo si presenta nella casa parigina di una celebre pittrice triestina, è bello e sfuggente, sembra un soggetto dei quadri che lei dipinge, e le confessa una sorprendente rivelazione. Tre artisti colti in un momento privato, cruciale, si aggirano in una Trieste che diventa protagonista e voce. Città inattesa e imperscrutabile, svuotata dal vento e sospesa nel tempo e nello spazio, in tre diversi istanti del secondo Novecento. A fare da apripista della collana Luci di Watson Edizioni, in libreria a partire dal 22 luglio, un libro dal linguaggio genuino e dai paesaggi indimenticabili: "Trieste senza bora" di Corrado Premuda, un romanzo in tre parti, quasi tre racconti lunghi dove però c’è un saldo filo conduttore: la città di Trieste, che è al contempo sfondo e protagonista della narrazione.

Corrado Premuda è autore di numerosi libri per ragazzi, tra cui "Un pittore di nome Leonor" (Editoriale Scienza, 2015), "La Barcolana dei bambini" (Nutrimenti, 2017) e "Trieste" (Edizioni EL, 2020). Scrive testi per il teatro e collabora alle pagine culturali del quotidiano Il Piccolo. Un suo romanzo, ancora inedito in Italia, è stato tradotto e pubblicato in Croazia. Il suo blog è motivipersonali.home.blog.

La collana Luci

Un aforisma attribuito a Eraclito ci ricorda che: L'unica costante è il cambiamento, e Watson Edizioni fa differenza. Dopo aver esplorato e arricchito tantissimi generi, che vanno dal giallo all'horror, dal gotico al fantasy, a luglio al via nuova avventura delle edizioni romane grazie al lancio della collana di narrativa Luci. A dodici anni dalla fondazione della casa editrice la collana Luci rappresenta una rinascita, uno splendido e luminoso contenitore in cui troverete alcuni tra i più bravi scrittori della narrativa italiana e internazionale contemporanea, abili artisti delle parole in grado di imprimere su carta profonde emozioni. La linea editoriale prevede una ricerca attenta e scrupolosa di testi con alla base la qualità della scrittura e una trama brillante. Una collana di ampio respiro italiano ed estero, il modo migliore, secondo noi, di scoprire il contemporaneo che ci circonda.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal 22 luglio arriva in libreria "Trieste senza bora", il nuovo romanzo di Corrado Premuda

TriestePrima è in caricamento