menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trieste Trasporti: con nuova flotta parco mezzi più giovane d'Italia (FOTO)

Sono 33 i nuovi autobus, dal 2019 tutti i mezzi saranno dotati di motorizzazione EEV o Euro 6. Installato contapasseggeri per ottimizzare risorse e combattere evasione. Focus sull'accessibilità con nuove pedane e sulla sicurezza con videosorveglianza e guardie giurate. Presenti governatore, sindaco e prefetto

Arriva una nuova flotta per Trieste Trasporti: sono stati oggi presentati alla stampa due dei 33 nuovi autobus, grazie ai quali l'azienda triestina ha ora il parco mezzi più giovane d'Italia e, come ha dichiarato il presidente Pier Giorgio Luccarini “Forse il più giovane d'Europa”.  L' età media degli autobus in Italia è infatti di 12,2 anni, mentre a Trieste passa oggi da  4,7 a 4,2 anni. Un traguardo di rilievo a livello europeo anche per l'ecosostenibilità, tenendo conto che dal 2019 tutti i mezzi saranno dotati di motorizzazione EEV o Euro 6.

L’inaugurazione

All'inaugurazione hanno presenziato il presidente della Regione Massimiliano Fedriga, il sindaco Roberto Dipiazza, il prefetto Annapaola Porzio e Angelo Costa, amministratore delegato di Arriva Italia (gruppo Deutsche Bahn), socio di Trieste Trasporti al 40 per cento. Presenti anche il vicesindaco Paolo Polidori, l'assessore al turismo Maurizio Bucci e l’assessore regionale all’ambiente Fabio Scoccimarro.

il presidente Luccarini

Così ha dichiarato il presidente di Trieste Trasporti Piergiorgio Luccarini: “Abbiamo investito circa 9 milioni di euro, ma l'impatto ambientale ne avrà gran beneficio, tenendo conto che abbiamo 273 mezzi che percorrono 13 milioni di chilometri l'anno. Questi autobus sono tutti dotati di wi-fi, pedana mobile (siamo ai vertici europei anche per accessibilità) e tutti i migliori dispositivi tecnologici: possiamo dire con certezza che non esiste di meglio in Italia. Ringrazio tutti i dipendenti, una grande famiglia di oltre 800 lavoratori, e ringrazio le istituzioni grazie al quale eccezionalmente vantiamo una grande sinergia tra pubblico e privato”.

L’ad Aniello Semplice

L'amministratore delegato Aniello Semplice ha poi ricordato l'importanza della videosorveglianza a bordo: “Abbiamo più di 1300 telecamere all'interno e all'esterno delle vetture, tutti occhi elettronici al servizio della città. 547 blocchi di filmati riguardanti 1768 autobus sono stati richiesti dalle autorità per acquisire prove su incidenti e questioni di rilevanza penale. Un sistema di videosorveglianza collegato in tempo reale con le Forze di Polizia grazie a un protocollo con la Prefettura”.

Il contapasseggeri

L'ad ha anche informato che “Da ieri è operativo lo strumento del conta passeggeri realizzato da Eurotech e Swarco, un'eccellenza per l'innovazione che condivideremo con tutta la regione, utile ad ottimizzate le risorse per capire gli afflussi nelle varie zone e l'evoluzione degli stessi, in modo da gestire gli sprechi e investire di più nelle aree più frequentate. In questo modo potremo anche dare in futuro una risposta ai bisogni noti della cittadinanza, come quello riguardante il servizio notturno”. Circa 67 milioni i passeggeri stimati nel 2017, un dato che l’Istat ha tradotto in 319 viaggi per abitante all’anno (il valore più elevato dopo Venezia, Milano e Roma).

La lotta all'evasione

“Il contapasseggeri – ha ricordato Semplice - è fondamentale anche contro l'evasione: una battaglia in cui abbiamo investito molto con l'impiego delle guardie giurate di Italpol, che oltre a garantire la sicurezza dei passeggeri hanno portato a un incremento di sanzioni (il numero medio nel 2018 è cresciuto del 12,8%, passando dalle 947 sanzioni al mese nel 2017 alle 1.069 nell’anno in corso)”.  

Indici di soddisfazione

La società ha chiuso il passato bilancio con un valore della produzione di 79,7 milioni, 7,9 milioni di utili, 13 milioni di investimenti e più di 5 milioni di prodotti o servizi acquistati sul territorio, e secondo i focus group di un'agenzia esterna specializzata è una delle aziende di trasporto pubblico locale con gli indici di soddisfazione più alti d’Italia.
L’ultima indagine di customer satisfaction ha mostrato, da parte dei cittadini, un incremento medio del 7% delle valutazioni positive verso le attività aziendali, la più rilevante crescita da quando Trieste Trasporti svolge indagini di questo tipo. 

La norma UNI EN ISO 45001:2018

Trieste Trasporti è anche la prima azienda italiana del settore ad aver conseguito la certificazione ai sensi della norma UNI EN ISO 45001:2018, che assicura il rispetto dei più elevati standard di sicurezza e salubrità sui luoghi di lavoro. Entrata in vigore lo scorso marzo dopo 20 anni di dibattito internazionale, la norma ispira un nuovo modello di competitività sostenibile, radicando nelle imprese una cultura della prevenzione condivisa e partecipata. “La certificazione – dichiara Trieste Trasporti - attesta il forte impegno dell’azienda a tutela della salute e del benessere dei propri dipendenti, per prevenire gli infortuni e minimizzare i rischi”. 

Qui l'intervento del presidente della regione Massimiliano Fedriga

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trieste usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Nasa: arriva la prima foto panoramica di Marte

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento