Triestina Calcio 1918, Cosolini: «La città desidera un progetto societario e sportivo solido»

Il sindaco Roberto Cosolini incontra il nuovo amministratore Mauro Milanese. Presentate nuove proposte per la valorizzazione dello stadio

«La città ha tutto l'interesse a veder realizzato un progetto societario e sportivo solido». Con queste parole il sindaco Roberto Cosolini ha accolto e dato il benvenuto a Mauro Milanese, nella sua nuova veste di amministratore unico dell'Unione Sportiva Triestina calcio 1918.

Nel corso dell'incontro svoltosi oggi in municipio sono state delineate le prime linee operative della nuova società che, come noto, è stata formalizzata ieri, con la cessione d'azienda da parte della curatela fallimentare dell'Unione Triestina 2012. Il sindaco Roberto Cosolini e l'assessore allo Sport Edi Kraus hanno ascoltato con interesse le proposte ipotizzate da Mauro Milanese e che puntano, tra l'altro, alla valorizzazione dello stadio Nereo Rocco, a cominciare dalla foresteria, oltre che a ricercare la possibilità di disporre dei necessari campi per l'attività delle squadre giovanili.

Uno scambio di vedute costruttivo, che a breve vedrà anche uno specifico sopralluogo all'interno del Rocco, proprio per venire incontro alle esigenze illustrate dalla nuova proprietà. Gli ospiti hanno infine invitato il sindaco Cosolini e l'assessore Kraus ad essere presenti, domenica 24 aprile, alle ore 15.00, allo stadio Rocco, all'atteso derby tra Triestina e Monfalcone, una partita fondamentale che vedrà gli alabardati chiamati a scongiurare i play out e guadagnarsi la salvezza sul campo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento