rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
I nuovi proprietari

Dalla Stardust House per influencer alla Triestina: tutti gli interessi dei nuovi proprietari

Simone Giacomini e Antonino Maira, oltre alla Atlas Consulting, sono soci della Stardust, azienda nata in piena pandemia che ha 150 influencer sotto contratto e circa 400 collaborazioni. Clienti come Poste Italiane e Kfc. Il sindaco: "Mi complimento con Milanese per l'ottimo lavoro fatto e per il risultato ottenuto. L'amministrazione comunale, come sempre, farà la sua parte"

TRIESTE - L'80 per cento delle quote della Triestina è in mano ad Atlas Consulting, società di Simone Giacomini e Antonino Maira. Il duo, rispettivamente di 36 e 34 anni, sono famosi per essere soci in affari anche in Stardust, azienda digital con 150 influencer sotto contratto, circa 400 collaborazioni e con 23 ragazzi e ragazze che frequentano la Stardust House di Capriano in Brianza, paesino di 3000 abitanti alle porte di Monza. Il 2021 di Stardust si è chiuso con un fatturato di oltre nove milioni di euro e, secondo una rapidissima ricerca online, annovera collaborazioni con Poste Italiane, Kfc (i maghi del pollo fritto, Kentucky Fried Chicken) e che per la prestigiosa rivista Forbes, ha 70 brand in portafoglio, oltre un milione di contenuti originali prodotti e qualcosa come 15 miliardi di visualizzazioni definite cross-plattform, vale a dire software sviluppati per più piattaforme. 

Chi fa parte di Stardust

Della galassia Stardust, con il 34 per cento delle quote, fa parteanche Paolo Barletta. Il finanziere è a capo del fondo di investimento Alchimia e che controlla anche il 40 per cento del marchio Chiara Ferragni, un giro d'affari di svariati milioni di euro. Ma tornando a Giacomini e Maira, il giro d'affari proviene proprio dal mondo digitale. Stardust viene fondata in piena pandemia (aprile 2020) e il boom del settore - nella ricerca di nuovi talenti social - proietta il duo verso il successo, tanto da finire sulle pagine di molti quotidiani nazionali. "Abbiamo visto che i tempi erano maturi per provare a fare quello che volevamo fare" aveva dichiarato Giacomini a La Repubblica. In Stardust ci sono poi Fabrizio Ferraguzzo, Ettore Dore e anche Alan Tonetti, che in molti ricorderanno per essere stato, qualche anno fa, "beniamino" della Gialappa's. 

La galassia

n un anno e mezzo di attività ecco che però Giacomini e Maira hanno scalato le classifiche. Nella Stardust House gli influencer, secondo quanto riportato dalla prestigiosa rivista Forbes, vengono formati "con corsi di inglese, recitazione, canto, produzione e post produzione video". Insomma, la creazione di audience sembra essere tra gli obiettivi principali della società, oltre alla monetizzazione del business. "Industrializzare il mondo dell'influencer marketing" è frase che Giacomini ripete spesso, nelle interviste rilasciate agli organi di informazione. "La maggior parte dei ragazzi prende un compenso garantito che va dai 500 ai 3000 euro al mese, quindi non devono più rincorrere i brand, ma si possono dedicare alla creazione di contenuti". Nel pomeriggio una voce abbastanza diffusa a Trieste voleva l'interessamento della famiglia Della Valle ad acquisire la Triestina, voce che però è stata silenziata dal closing con Atlas. 

Non di post, ma d'amore

Secondo gli addetti ai lavori, Stardust sarebbe già pronta per aprire ulteriori House. Si parla di Los Angeles e Dubai, due città che bene rappresenterebbero la voglia di crescere e di internazionalizzare il brand da parte della società. C'è poi il "From Boomer to Zoomer", vale a dire il primo format 100 per cento digital che vedrà sotto contratto anche Giorgio Panariello, al debutto su Twitch e Tik Tok. Poi ci sarà il debutto di Stardust in Metaverso, un mondo virtuale dove si possono costruire case, parchi e gira una criptovaluta detta MANA. Tante informazioni, che Giacomini e Maira potrebbero illustrare in una conferenza stampa in programma nei prossimi giorni. Non si sa ancora la data e l'orario, come pure se verrà convocata nella sala stampa del Rocco o in collegamento da remoto. Ai tifosi dell'Unione, per il momento, bastava la condivisione. Non di post, reel, Tik Tok o like, ma solo di quel "fiume d'amore" e della "vostra gloria, undici ragazzi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dalla Stardust House per influencer alla Triestina: tutti gli interessi dei nuovi proprietari

TriestePrima è in caricamento