Cronaca

La triestina Elisa Sossi, classificata al "Premio Quasimodo" raccontando l'anoressia

La giovanissima autrice ha raccontato il suo viaggio nell'inferno dell'anoressia

È stata una cerimonia molto partecipata, la seconda edizione del Premio "Salvatore Quasimodo" ed anche particolarmente suggestiva, sia per la location prescelta, la Tenuta dei Ciclamini, meglio nota come la casa di Mogol (ad Avigliano Umbro in provincia di Terni). A distinguersi nell'ambito della sezione narrativa edita, anche una giovanissima autrice di Trieste, Elisa Sossi, che si è aggiudicata il terzo posto con il libro "Il peso della leggerezza", nella sezione dedicata ai libri della Aletti Editore. La Sossi, classe 1996, ha messo nero su bianco la sua lotta all'anoressia in queste pagine commoventi, che hanno il sapore della rinascita. «Essere “leggera” è stato pesante - confida l'autrice - . Con la mia amica-nemica Anoressia ho intrattenuto un estenuante combattimento e, sebbene lei abbia avuto la meglio in molte battaglie, una cosa è certa: la guerra l’ho vinta io».

La cerimonia, che si è tenuta il 1° aprile scorso, si è rivelata un importante momento di raccoglimento interiore e un'occasione di confronto che ha portato anche alla nascita di nuove amicizie, ma soprattutto un riconoscimento prestigioso nel panorama culturale italiano, con ben 16 sezioni che hanno messo in luce i talenti della poesia, narrativa, musica, e teatro. Un  premio ben articolato, insomma, che ben rispecchia l’eclettica figura a cui è dedicato:  il grande poeta siciliano Salvatore Quasimodo, vissuto nel secolo scorso ma in grado di comunicare alle nuove generazioni, vincitore del Nobel per la letteratura, nonché esponente di rilievo dell’ermetismo, letterato a tutto tondo, traduttore e saggista. Presenti Alessandro Quasimodo, il figlio del celeberrimo poeta Salvatore, e il più noto autore della musica italiana, Giulio Rapetti, conosciuto da tutti col nome di Mogol, che ha espresso la sua concezione di poesia: scrittura chiara e diretta, che trasporta emozioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La triestina Elisa Sossi, classificata al "Premio Quasimodo" raccontando l'anoressia

TriestePrima è in caricamento