Pordenone al Rocco, sabato sera la protesta della curva Furlan

Continuano le polemiche per la concessione alla società neroverde dello stadio triestino. "Facciamo sentire la voce del popolo rossoalabardato, presenziamo tutti, ultras, tifosi e triestini"

Sabato sera i tifosi rossoalabardati protesteranno contro la presenza del Pordenone allo stadio Rocco. A darne notizia è la stessa curva Furlan attraverso una nota inviata alla stampa con cui viene ribadita la forte contrarietà rispetto alla decisione del Comune di Trieste di concedere lo stadio intitolato al Paròn alla società neroverde. Le polemiche erano scoppiate nelle scorse settimane quando una parte dei tifosi - "guidati" da alcuni assessori della giunta Dipiazza, Lorenzo Giorgi su tutti - si erano schierati contro la possibilità che i ramarri potessero concludere la stagione del campionato di serie B proprio calcando il manto di Valmaura. 

La vicenda

Dopo il tira e molla e la chiamata giunta dai vertici regionali - in nome del mantenimento dei buoni rapporti istituzionali era stato chiesto al Comune di dare il via libera a Lovisa e soci - si era giunti all'accordo, con tanto di "paletti" imposti dall'amministrazione Dipiazza. Dopo l'annuncio quindi, ecco che la protesta dei tifosi ha preso forma, organizzando per l'appunto una manifestazione nei pressi del murales dedicato a Stefano Furlan, tifoso alabardato scomparso 36 anni fa.  

Il Comune concede il Rocco, ma la scelta non piace

Le parole degli ultras

"È nuovamente il momento di far sentire la nostra voce di protesta, di schierarci sul nostro territorio rivendicandone il possesso - scrivono gli ultras -. Come nel recente passato si sta tentando di fare cassa utilizzando la nostra casa in maniera immorale e indiscriminata senza tenere minimamente conto del parere di chi da sempre la abita, la difende e la onora".

I precedenti

Nonostante in passato al Rocco siano state di scena squadre della massima serie (portando lustro alla città di Trieste ndr), i tifosi rossoalabardati non ci stanno. A pesare sui rapporti tra le due società sarebbero alcuni episodi avvenuti nella scorsa stagione. Imbrattamenti della curva Furlan, botta e risposta in merito a presunti favoritismi arbitrali nel corso del campionato 2018-2019, avrebbero acceso gli animi dei tifosi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La protesta

Il dissenso verrà manifestato attraverso i colori della Triestina. "Portate qualsiasi cosa di biancorosso con voi perché questi devono essere gli unici colori che Valmaura deve ospitare - conclude la nota-. Facciamo sentire la voce del popolo rossoalabardato, presenziamo tutti, ultras, tifosi, triestini. E' inaccettabile altresì che dopo questa lunga pausa non sia la Triestina la prima squadra a scendere sul suo campo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus da 600 euro, anche il consigliere regionale Franco Mattiussi tra i beneficiari

  • Fotografa i bambini e poi scappa su un’auto blu: la segnalazione parte dal Carso

  • Rifiuta le sue avances e lui le sputa addosso: sconcerto in piazza Libertà

  • Notte di San Lorenzo, ecco i 5 posti più belli dove ammirare le stelle cadenti a Trieste

  • Covid-19: quattro nuovi casi in Fvg, salgono i ricoverati in terapia intensiva

  • Riammissioni a catena: Italia, Slovenia e Croazia si "passano" 30 migranti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento