menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa: Acquistano Bolli con Assegni Circolari (in Bianco) Rubati

Truffa nei giorni scorsi nei confronti di due rivendite di tabacchi site in centro città e che ha permesso a ignoti di entrare in possesso di un ingente quantitativo di contrassegni di bollo pagati con due assegni che sono risultati essere rubati...

Truffa nei giorni scorsi nei confronti di due rivendite di tabacchi site in centro città e che ha permesso a ignoti di entrare in possesso di un ingente quantitativo di contrassegni di bollo pagati con due assegni che sono risultati essere rubati in bianco e alterati.

I titolari delle rivendite - che si sono recati in Questura e hanno denunciato gli episodi - sono stati contattati telefonicamente da una persona che si è spacciata per un avvocato (sono stati forniti due nominativi diversi) e che ha rappresentato loro la necessità di acquistare per motivi di lavoro - in ciascuna rivendita - 270 contrassegni di bollo da 14,62 euro ciascuno, per un valore complessivo di 3947,40 euro.

Accordatisi su alcune modalità delle operazioni, alcuni giorni dopo si è presentato presso le rivendite un emissario dei sedicenti avvocati, munito di un foglio con l'intestazione dell'agenzia delle entrate e con assegni circolari intestati a nome dei rispettivi titolari degli esercizi commerciali a totale copertura del costo dei bolli.

Recatisi presso i propri istituti bancari, i due negozianti sono stati informati che i due assegni non erano pagabili in quanto non genuini e rubati in bianco.

Sono in corso indagini per fare luce su queste due truffe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Storie del territorio: perché il Friuli Venezia Giulia non è "il Friuli"

social

Ricette tipiche della Carnia: i Cjarsons

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Fvg resta in zona arancione

  • Cronaca

    Covid: i guariti superano i contagi, in calo terapie intensive e isolamenti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento