Truffavano gli anziani con un finto rilevatore di gas: denunciati

I due si presentavano come addetti di una società attiva nella sicurezza domestica e li convincevano ad acquistare un rilevatore di gas poiché obbligatorio per una sconosciuta direttiva europea. Il rilevatore veniva poi appeso al muro con un chiodo, senza il consenso degli anziani

Convincevano degli anziani a comprare un finto rilevatore di gas in quanto "previsto da normativa europea", ma sono state denunciate dai Carabinieri. Come riporta Ansa si tratta di due persone, rispettivamente di 25 e 38 anni, originarie della Lombardia, denunciate appunto dai Carabinieri di Gradisca d'Isonzo per truffe aggravate ai danni di persone anziane.

"Previsto da normativa europea"

Secondo quanto ricostruito dall'Arma i due si presentavano come addetti di una società attiva nella sicurezza domestica e li convincevano ad acquistare un rilevatore di gas poiché obbligatorio per una sconosciuta direttiva europea. Il rilevatore veniva poi appeso al muro con un chiodo, senza il consenso degli anziani, a cui veniva poi chiesto di firmare un contratto al prezzo di 299 euro. Si trattava invece di un rilevatore di fumo da poche decine di euro.

Quando la vittima della truffa non aveva contante in casa, l'operatore utilizzava un dispositivo pos che permetteva di riscuotere l'importo senza mai rilasciare la ricevuta. Dopo aver individuato i due, i militari hanno sequestrato una trentina di dispositivi antifumo e contante pari a 600 euro, presunto frutto di due precedenti truffe.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio zona rossa, ecco l'ordinanza Fvg: no caffè fuori dai bar e stop ad allenamenti

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Covid, morire a 45 anni: il pizzaiolo Abbas lascia cinque figli e la moglie

  • Dinner cancelling: come funziona la dieta seguita da Fiorello per dimagrire

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Caffè, asporto e consumo su suolo pubblico: i chiarimenti sull'ordinanza

Torna su
TriestePrima è in caricamento