Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

Truffe agli anziani: raggirano una non vedente e le rubano oltre 15.000 euro

13.36 - A un'altra donna è andata meglio e cogliendo l'inganno le ha messe in fuga

Al peggio non c'è mai fine. Se già truffare anziani indifesi è da vigliacchi, raggirare un'anziana non vedente è ancora peggio. Due sono stati gli episodi di truffe ai danni di altrettante donne negli scorsi giorni nel centro di Trieste. Se nel primo caso la donna ha saputo mettere in fuga le maleintenzionate, nel secondo episodio purtroppo queste hanno messo a segno il colpo, sfruttando biecamente sull'handicap della vittima.

Le truffatrici, sembra che siano due donne, se non addirittura tre. La signora non vedente ha risposto al citofono e dall'altra parte una delle malviventi le ha offerto di farle da badante. La vittima, ignara delle cattive intenzioni, ha aperto e l'ha fatta accomodare. Dopo i primi convenevoli, l'anziana le ha spiegato che era già provvista di una badante, ma proprio a questo punto ha sentito un rumore provenire dalla camera da letto

La sua interlocutrice si è quindi ammutolita e dopo pochi secondi ha sentito la porta d'ingresso aprirsi e chidersi. Presa dallo sconforto la donna è andata in camera da letto per controllare il suo borsello dove conteneva gioielli e ben 15.000 euro in contanti, che però era stato appena rubato dalla complice della donna con cui aveva parlato. A questo punto non le è restato che chiamare il 113, ma non potendo descrivere la sua interlocutrice, che parlava senza inflessioni dialettali né straniere, le ricerche degli agenti della Squadra Volante intervenuti hanno dato esito negativo.

Con molta probabilità la donna e la complice (o i complici) sono gli stessi autori della tentata truffa ai danni di un'altra anziana in via Donatello 34. Questa stava rientrando a casa con le borse dalla spesa quando una signora le ha chiesto se le serviva una mano, giustificando il suo ingresso nel palazzo con una vistia a un'amica al quinto piano. 

Giunti al pianerottolo dell'anziana, la buona sammaritana ha trovato una scusa per entrare nell'appartamento con spiegando di voler scrivere un bigliettino per l'amica che evidentemente non era in casa. Una volta entrata però si è posta tra la vittima e la porta d'ingresso con l'intento di far passare dietro di se la complice

L'anziana però si è accorta del tranello e ha spinto con forza le due donne fuori dall'uscio di casa, intravedendo anche una terza ombra sul pianerottolo. A questo punto ha chiamato la Polizia, ma all'arrivo della pattuglia, le truffatrici erano già scappate. Neanche la descrizione di una di loro, bionda ossigenata e dall'accento meridionale, è stata utile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Truffe agli anziani: raggirano una non vedente e le rubano oltre 15.000 euro

TriestePrima è in caricamento