Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Furto con raggiro a un'anziana: false impiegate Inps le rubano orologio e 50 euro

La donna ha incontrato le due truffatrici nell'atrio del suo condominio e, rassicurata dai modi gentili, le ha fatte accomodare in casa: una delle due con la scusa di andare in bagno è entrata in camera da letto per rovistare nei cassetti. Sul posto la Squadra Volante della Questura

Dopo la brillante operazione della Squadra Mobile con il supporto della Squadra Volante della Questura di Trieste, che nelle scorse settimane aveva permesso di arrestare in flagranza di reato due truffatori (uomo e donna) che presumibilmente avevano messo a segno diversi raggiri ai danni di anziani in città, ieri, nel primo pomeriggio, una Volante della Questura è intervenuta in una zona semi-centrale, dove un’anziana signora è rimasta vittima di un nuovo caso di furto in casa con raggiro.

La donna, mentre rincasava, aveva notato due donne che si aggiravano nell’atrio del condominio e, a loro dire, stavano facendo delle verifiche per l’INPS. L’anziana si è quindi prestata a rispondere ad alcune domande e, visto il fare gentile e rassicurante delle donne, le ha anche fatte entrare nel suo appartamento. Nel corso della conversazione una delle due si è allontanata per recarsi in bagno ma, poco dopo, è stata però sorpresa dalla proprietaria all’interno della camera da letto mentre rovistava nei cassetti.

Una volta smascherate, le false impiegate INPS, di età compresa tra i 25/30 anni, altezza media, entrambe di bella presenza, di cui una sembrava essere incinta da almeno sei mesi, si sono allontanate precipitosamente: la vittima del raggiro si è subito accorta che le era stato rubato un orologio e una banconota da 50 euro ed ha chiamato il 113.

«Questo tipo di tecnica è già stata adottata nel recente passato per perpetrare furti all’interno degli appartamenti di anziani che vivono da soli - spiega la Questura -. Si invitano pertanto tutti i cittadini a non far entrare in casa sconosciuti per evitare di incorrere in episodi analoghi. In tutti i casi, anche quando venisse esposto un tesserino di riconoscimento, si consiglia di chiamare immediatamente il 113. Inoltre sul sito della Polizia di Stato potranno attingere a tutte le indicazioni e consigli a tutela degli anziani e dei soggetti più deboli».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto con raggiro a un'anziana: false impiegate Inps le rubano orologio e 50 euro

TriestePrima è in caricamento