menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cresce il turismo in FVG, Bini: "Siamo fra le prime sei regioni del Paese "

Il turismo nella nostra regione rappresenta un valore aggiunto di 1,2 miliardi, ma sarà opportuno migliorare la qualità delle strutture ricettive regionali

"Il settore del turismo rappresenta il comparto che sta dando maggiori soddisfazioni economiche in regione. Dall'inizio della crisi economica ad oggi, le imprese in Friuli sono calate del 15 per cento, ma il turismo rimane controcorrente. Attraverso l'interazione del mondo delle imprese, delle strutture economiche, della Regione e delle associazioni, il turismo gioca un ruolo principale all'interno della nostra regione". Queste le parole del presidente di Confcommercio regionale Giovanni Da Pozzo durante la presentazione degli ultimi dati sul turismo in regione.

I dati

Secondo i dati emersi dall'indagine realizzata da Confcommercio Fvg in collaborazione con Format Research, in Friuli Venezia Giulia sono presenti oltre 9mila imprese dedite al turismo, di cui nove su dieci operano nella ristorazione, e una su dieci rappresenta le strutture ricettive. Tra queste imprese, il 49 per cento si trova nella provincia di Udine, il 20 per cento nella provincia di Pordenone, il 20 per cento in quella di Trieste e il restante 11 nella provincia di Gorizia. Il comparto del turismo ha assunto sempre maggior rilevanza in termini di imprese attive sul territorio. Se dieci anni fa ristorazione e strutture ricettive rappresentavano il 10,6 per cento della totalità delle imprese in Fvg (industria + terziario), a fine 2019 il peso è salito al 12,2 per cento, ben oltre il dato medio nazionale (che si attesta attorno al 10 per cento) e posizionando la regione tra le prime sei d’Italia in questa classifica. "Si tratta di dati importanti per l'economia della nostra regione – commenta l'assessore alle Attività produttive Sergio Bini –, e negli ultimi due anni segna un più per il numero degli occupati, delle presenze e del valore della produzione".

Regione e Italia

"L'Italia registra, infatti, un segno negativo sul turismo, e il Nord Est conta un -1,6 per cento. Il Friuli Venezia Giulia, invece, un +0,8", continua l'assessore, ricordando anche: "abbiamo la fortuna di avere una città come Trieste, che ci sta trainando molto con anche delle prospettive di crescita molto alte. Il mare sta tenendo, nonostante l'aumento della concorrenza internazionale". Parlando, poi, dei viaggiatori nella nostra regione, l'assessore ricorda come "i turisti moderni sono sempre più esigenti, anche dal punto di vista delle strutture ricettive". Strutture che, come sostiene anche Da Pozzo, "hanno bisogno di miglioramenti".

Opportunità di lavoro

Le imprese del turismo assicurano un posto di lavoro a quasi 33mila occupati, e la quota di lavoratori nel settore è in forte aumento nell'ultimo decennio (+18%). L’incremento dei livelli occupazionali ha riguardato trasversalmente le imprese della ristorazione (+16%) e le strutture ricettive (+36%). In generale, il turismo è il settore che ha fatto registrare l’accelerazione più consistente in termini di occupati negli ultimi 10 anni, più dei servizi e in controtendenza a industria e commercio, che presentano scostamenti negativi. Le imprese della ristorazione e le strutture ricettive valgono da sole oltre 1,2 miliardi di euro in termini di valore aggiunto in Friuli Venezia Giulia. Inoltre, le imprese di questo settore si mostrano più fiduciose della media del terziario della regione e rispetto alle imprese del turismo a livello nazionale.

Turismo e finanziamenti

Per quanto riguarda i ricavi, le migliori performance del turismo si calcolano negli ultimi due anni (dal 2017) e, in questo contesto, le imprese mostrano una capacità di far fronte al proprio fabbisogno finanziario più alta rispetto alla media del terziario del Fvg e alla media nazionale del turismo stesso. Allo stesso modo, anche il rapporto con le banche è diventato più favorevole alle imprese del turismo: sono quelle che chiedono credito con maggiore frequenza e che, al contempo, lo ottengono con più facilità.

Stagione estiva

Come già espresso dall'indagine della regione condotta sulla stagione estiva di quest'anno, si contano ottimi risultati per quanto riguarda gli arrivi e le presenze in regione durante la bella stagione, con segni positivi sia per il mare che per le città, fatta eccezione per le località di montagna. La componente del turismo straniero, poi, si è rivelata di un’importanza strategica nel corso delle ultime tre stagioni estive in Fvg in termini di presenze.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento