rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Turismo, il 2015 sarà l'anno della crescita delle crociere a Trieste

14.35 - Calcolato in 18,2 milioni il giro d'affari diretto e indiretto nel 2013

«Il 2015 sarà l'anno della crescita delle crociere a Trieste, con un numero rilevante di toccate di navi». Lo ha detto la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani intervenendo questa mattina a Trieste al convegno "L'attività crocieristica a Trieste: gli impatti economici e i possibili scenari", promosso dalla società Trieste Terminal Passeggeri (TTP).

Nel corso dell'incontro, introdotto dal presidente della Camera di Commercio di Trieste Antonio Paoletti, è stata presentata una ricerca sulle ricadute dell'arrivo delle navi passeggeri, curata da Risposte Turismo e presentata da Francesco di Cesare. Si calcola che nel 2013 i soli crocieristi abbiano speso in città 4,5 milioni di euro (67 euro a testa), che diventano più di 6 milioni se si sommano anche le spese delle compagnie per i servizi portuali alla navi e raggiungono i 18,2 milioni stimati fra giro d'affari diretto e indiretto.

La presidente Serracchiani ha quindi partecipato a una tavola rotonda, coordinata dal giornalista Angelo Scorza, alla quale sono intervenuti anche il sindaco di Trieste Roberto Cosolini, l'amministratore delegato di TTP Franco Napp e il direttore di Confcommercio Trieste Pietro Farina.

«Lo sviluppo della crocieristica a Trieste - ha ricordato la presidente - è il frutto anche del Protocollo sottoscritto dalla Regione con la compagnia Costa Crociere con il quale, a fronte di un aumento delle toccate, le istituzioni si sono impegnate a fornire garanzie sul potenziamento delle infrastrutture e dei collegamenti ferroviari». Grazie a un'intesa raggiunta dalla Regione FVG con Ferrovie dello Stato e con Trenitalia, nell'ambito del contratto di servizio, entro il 2016 - ha ricordato la presidente - dovrebbero ridursi sensibilmente i tempi di percorrenza sulla tratta Trieste-Venezia-Milano, mentre la stessa Regione è impegnata con le altre istituzioni per migliorare le infrastrutture per l'ormeggio delle grandi navi passeggeri.

Per lo sviluppo della crocieristica sono stati attivati due Tavoli tecnici, ha ricordato la presidente: il primo sulle infrastrutture (compresi gli spostamenti all'interno della città degli ospiti delle navi) e il secondo, con le istituzioni e gli operatori, sulle opportunità per il turismo regionale. «Dobbiamo puntare - ha sottolineato Debora Serracchiani - a valorizzare tutto il nostro retroporto, a verificare ciò che Trieste e il Friuli Venezia Giulia possono offrire ai crocieristi in termini di percorsi turistici a seconda del tempo di sosta delle navi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, il 2015 sarà l'anno della crescita delle crociere a Trieste

TriestePrima è in caricamento