Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Barriera Vecchia - Città Vecchia

Il cartello che dice ai turisti dove andare: "Mancano le indicazioni"

Il tabellone è comparso in via Donota un paio di giorni fa e l'avrebbe sistemato Pierpaolo Bagato, che aiuta i turisti a trovare la strada giusta (con la frecciatina a chi dovrebbe occuparsene)

Un manifesto divertente appare sotto il colle di San Giusto un paio di giorni fa per aiutare i turisti che arrivano a Trieste e che, soprattutto tra le vie della parte vecchia della città, tendono ad essere confusi, cartine in mano e a chiedere informazioni su come raggiungere le principali attrazioni e monumenti della zona. Pierpaolo Bagatto si è reso protagonista del simpatico gesto, senza tuttavia nascondere le sue perplessità sull'assenza di indicazioni nell'area a ridosso del castello. Vista anche l'alta incidenza del turismo proveniente dai paesi d'oltralpe come Austria, Germania e Inghilterra, permettiamo di suggerire una breve traduzione almeno in inglese, così da rendere comprensibile a tutti il messaggio (nel caso fosse già stato fatto oppure in preparazione ci scusiamo). 

L'introduzione

TRIESTE SE POL FAR ….SI, MA SE TE SE FA SOLO, PERCHE’ CHI CHE DOVERIA….OCIO DE SOTO!

Questo post permettetevi di scriverlo in “lingua madre”. Tratta un argomento assolutamente nostro, triestino, che ben si aggancia col “se pol, ma chi ce devi no fa”, e quindi trovo corretto usare la lingua adeguata: la nostra. Cerco di darvi anche un taglio allegro-scanzonatorio, che ben si sposa con il vero spirito triestino del “no te go, o no ve go gnanca pal cul”. Ridere e scherzare, pur andando a raccontare fatti concreti, interpreta il nostro spirito. L’uso di alcune parole che ben non si adatterebbero ai salotti, trovano viceversa le loro più profonde ed antiche radici qui in Rena Vecia, dove nasce il racconto. Anche determinati vocaboli, che forse si non persi in altre zone della città, qui vivono e vengono normalmente utilizzati, ma non per questo sono offensivi o denigratori, al contrario riprendono quello che era un nostro quotidiano parlare, dove la parola che definiva qualche cosa, o qualcuno nasceva semplicemente da situazioni o aspetti visivi che ricordavano quel qualche cosa o quel qualcuno.

Il testo completo

Chi che vivi qua in Rena, e sopratuto chi che se movi tra via Donota, via del Collegio, via del Crocefisso e via dela Catedrale, incontra liradedio de turisti che gira co la cartina in man, zercando de capir dove andar per visitar Cesa, Castel, Arco, Ruderi del Teatro e altre robe ancora. I più evoluti e tecnologici se movi col celulare. Un saco de lori però no trova, e alora i domanda a noi, che se ne vedi che semo locali. Sta gente, e credeme che xe tanti, xe turisti che porta bori ala nostra città. Gente che riva dal Gheto, che vien su per le scalete de Androna dei Scalini (quele tra Teatro e Park S.Giusto per capirse), e che rivade in zima no capissi dove andar. Ancora do ani fa ghe go scrito a chi che se ocupa del profilo FB de TriesteSePolFarm, e son andado personalmente anche dala Assessora a spiegarghe el problema. Gnache a parlar: zento assicurazioni che i sta rifazendo el piano della cartellonistica, delle strade de…..no so che altro. Resta el fato che dopo do ani, no xe sta ancora fato un clinz. I tursiti, ringraziando Dio, continua a rivar sempre più numerosi, e sempre più numerosi i continua a fermarse in zima a quele sfondrade de scale (pensantissime da far), e con la scusa de ciapar fià le se informa dela strada. Un cartel xe sta impossibile far meter! Un mona de cartel per iutar sta gente che porta bori, inutile dir, ma NO SE POL. Remengo, che come diseva el bravo Angelo Cecchelin, assieme a Refosco iera un dei re de Roma, NO SE POL. E alora? Alora se no se pol….no se pol. Inutile insister. Ma sta gente porta bori, ostia! Eh, go capì, ma no se pol. E inveze se pol. Sì, se pol, basta far, come sempre, soli. E cussì go fato mi. A mi no me vien, e no me stropa, ma visto che sta gente i bori ala nostra città i ghe li porta, e che anche a mi i me domanda co son per strada, far sto cartel me xe costà do lire (atuali iuri), ma go avù do risultati: 1) i tursiti lo guarda, segui le indicazioni, e mi son contento 2) ghe go mostrà a sta Aministrazione che con do lire, un poca (ma ssai poca) de bona volontà, SE POL FAR, basta voler far, e tuto el resto xe bale, scuse che tira fora chi che no xe bon de far. Ahhh….e che no se conti monade: tempo perso per far forsi do ore, tra comisionar el cartel, e montarlo.
Me taco a sto fato per zontar la….zonta de pan de fighi. Al bivio, sepur mandai dala Prefeto, i Tubi (vocabolo dialettale assolutamente non offensivo, ma derivante dall’aspetto dato loro dalla divisa, che a Trieste è da sempre stato utilizzato assieme ad altri vocaboli ricorrenti) va praticamente ogni giorno a piturar quei bagnanti che postegia là, dove che da sempre i ga postegià, che adesso (anche questo ostia) NO SE POL FAR PIU’. Va ben, xe giusto cussì, per l’amor de Dio, oramai l’estate xe finida, ma xe mai posibile che la i cori ogni giorno, e che qua in via Donota, via del Collegio no i vien mai? Epur i li ciama. Ma lori no vien (raramente, lo digo per trasparenza, saaai raramente). Qua no xe el prefeto che li manda, e alora no i vien. A esser sincero el Comandante xe sta anche sai gentile, ga risposta è ga spiegà. I xe quei che i xe, i devi corer per tuto, no i pol no corer al bivio, e qua no i riva. Epur, credeme, xe machine pastegiade, e no poche, dove che no le devessi esser. I le caza sui postegi dei motorini, per traverso, dove che capita, tanto raramente i li pitura. Capita anca che i le postegi blocando la via. Alora vien al caro a ciorle, e i pitura quel 4 la in giro. Gnanca tute. Tanti de questi che postegia qua, xe impiegati che va lavorar (indovinè dove?), ploska l’auto la alle 7 de matina, e la mola fino alle 16…almeno. Xe gente che ghe pesa el cul, guai moverse coi autobus. Solo in machina, anche per andar in condoto. E quel che xe pezo, xe lassarla la 8 o più ore. Ma va ben cussì, tanto qua i tubi vien raramente (Comandante, ma adesso che finissi i bagni al bivio, la li poderà mandar più spesso con penel e pitura de ste parti? Anche perché cussì ghe insegnerè a sta zente a usar i mezi publici e mover el cul per andar a lavorar!)
E gnanca a dir, anche qua l’Assessora me ga dito “faremo le striche blu pertera, come i ga za fato a Barcola, e per i residenti faremo una convenzion a 10/15 iuri al mese”. In fin dei conti queste xe iniziative za in essere in borgo teresiano, Barcola ecc. Tuta roba per residenti. Solo che a noi de Rena no i ne ga gnanca pel cul. Promesso, dito, assicurarado e ….come prima. Proprio come el cartel per i turisti. Solo che per sta roba, no posso andar mi de note col penel e la pitura blu a tirar striche, come che inveze go fato pel cartel. Qua proprio mi no posso, senò faria, giuro che faria.

Bon, no ve rompo più. Scuseme, quel che gavevo de dir, lo go dito. Ve taco solo le foto del cartel…

MA SECONDO VOI, GO FATO BEN A FARLO STO CARTEL O NO, COSSA DISE’?

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cartello che dice ai turisti dove andare: "Mancano le indicazioni"

TriestePrima è in caricamento