rotate-mobile
Cronaca

Università: inaugurata una nuova "casa dello studente" a Trieste

Dal gennaio 2015 metterà a disposizione degli iscritti all'ateneo giuliano 74 posti letto, 38 dei quali in camera singola, 32 in camere doppie e 4 dedicati ai diversamente abili

E' stata inaugurata oggi a Trieste, nel comprensorio universitario di via Fabio Severo, la casa dello studente E1 che, in una palazzina Anni Sessanta completamente ristrutturata, dal gennaio 2015 metterà a disposizione degli iscritti all'ateneo giuliano 74 posti letto, 38 dei quali in camera singola, 32 in camere doppie e 4 dedicati ai diversamente abili.

«È un ottimo risultato - ha commentato l'assessore all'Istruzione del Friuli Venezia Giulia Loredana Panariti - perché finalmente
abbiamo uno spazio nuovo per gli studenti grazie ad un eccellente lavoro di squadra che, in poco più di un anno, ha recuperato il tempo perso negli undici anni precedenti».

«In questo modo - ha evidenziato ancora Panariti - contiamo di migliorare la qualità dell'ospitalità e dello studio e, potendo contare su un sistema coeso formato dalle Università di Udine e Trieste, dalla Sissa e dai conservatori, arrivare a presentarci sempre più come la regione della conoscenza».

Il progetto E1+E2, ha infatti ricordato il direttore generale dell'Agenzia regionale per il diritto agli studi superiori (Ardiss FVG), Claudio Kovatsch, era stato avviato ancora nel 2002 ma solo nell'ultimo anno o poco più, dopo infinite traversie, si è riusciti ad imprimere la necessaria accelerazione ai lavori che, incluso il completamento del vicino edificio E2 dove saranno disposte ulteriori aule, sono costati 6,4 milioni di euro (3,8 solo per l'E1, con una valutazione di 51 mila euro a posto letto), 4,9 dei quali da fondi regionali ed il rimanente da stanziamenti ministeriali.

«La struttura E1 - ha commentato l'assessore regionale all'Università, Mariagrazia Santoro - è il simbolo positivo di un immobilismo sconfitto. E' stato un lavoro di squadra perfetto con sinergie istituzionali e private. Questa è la strada giusta - ha concluso - affinché la nostra regione possa dotarsi di quella necessaria marcia in più».

Alla presenza di rappresentanti istituzionali (tra questi, l'assessore comunale Antonella Grim e quella provinciale AdelePino), del rettore Maurizio Fermeglia e di molti studenti, è stata prima illustrata e poi visitata la moderna struttura dotata di wi-fi e suddivisa su quattro piani. Una grande aula didattica caratterizza il pianterreno mentre ai livelli superiori si trovano le stanze, una piccola cucina su ogni piano, salottini per lo studio ed altre due aule. Previsto anche uno spazio-palestra che sarà dato in gestione ad una società sportiva che dovrà provvedere a tutta l'attrezzatura.

Dal 7 gennaio prossimo, è stato detto, cominceranno le assegnazioni agli studenti che hanno presentato la domanda entro
lo scorso 9 dicembre ma nel 2015, ha anticipato Kovatsch, l'Ardiss conta di inaugurare a Trieste un'altra struttura similare nell'ex ospizio di via Gaspare Gozzi, dove troveranno 
spazio 99 posti letto.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università: inaugurata una nuova "casa dello studente" a Trieste

TriestePrima è in caricamento