Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

Urafiki Center, un uovo di Pasqua per aiutare i meno fortunati in Africa

L'associazione Urafiki, realtà creata in Kenya dalla missionaria triestina Maria Truglio invita simpatizzanti e sostenitori ad acquistare un uovo di Pasqua per sostenere il dispensario-ospedale sito a Kitengela

Periodo di Pasqua e dunque tempo di Uova di Pasqua. Quale miglior occasione per unire l'utile al dilettevole?

L'associazione Urafiki (di cui triesteprima ne ha già parlato alcuni mesi fa), realtà viva in Kenya, creata fra gli altri anche dalla missionaria triestina Maria Truglio, invita simpatizzanti e sostenitori ad acquistare un uomo di Pasqua per sostenere il dispensario-ospedale sito a Kitengela.

A fronte di un piccolo contributo si avrà la possibilità di portare a casa un uovo di Pasqua, un simpatico peluche ed una spilletta dell'associazione.

Il banchetto sarà operativo sabato 21 e domenica 22 marzo dalle 10.00 alle 18.00 in via Mazzini angolo via Cassa di Risparmio (evento facebook).

Per maggiori informazioni sull’associazione, il sito internet di riferimento è www.urafiki.it, all’interno del quale sono contenute numerose 18lug14. Auser Trieste - Urafiki Center (3)informazioni dell’associazione, mail per contattare i responsabili e gli estremi per le donazioni, essenziali al centro per continuare ad operare.

Infine pubblichiamo una lettera scritta pochi giorni fa dalla missionaria in kenya

Una domenica come tante, anzi non proprio … sono le 7,30 del mattino, fuori della porta del dispensario ci sono già una ventina di persone, ma non mi sorprende, sorrido al solo pensiero di credere che nessuno sarebbe venuto!
Qualche giorno prima ero stata contattata dalla comunità indiana (Shah) chiedendomi se ero interessata a collaborare con loro per fare un campo medico per la prevenzione sulle malattie degli occhi e delle orecchie, naso e gola… ovviamente ho accettato, sebbene non ci fosse tempo per pubblicizzare la cosa… (e meno male…), perché il passa parola ha lavorato molto bene e alla grande: difatti almeno una ventina di persone si erano già prenotate.
C’è da dire che a circa cinquanta km dalla nostra postazione ci sarebbe stato un altro campo similare, piantato dalla stessa organizzazione.
Mai avrei immaginato che a mezzogiorno avevamo già visitato 100 persone solo per problemi agli occhi, mentre il ENT era ancora molto indietro.
L’accordo era che l’organizzazione avrebbero provveduto a far venire i dottori: c’era un oculista arrivato dall’India e un otorino volontario di Nairobi. Il lavoro procedeva abbastanza veloce, ma verso le 2,30 del pomeriggio abbiamo dovuto chiudere il cancello perchè c’erano già prenotate 300 persone: non era possibile fare di più, per fortuna l’otorino ha pensato bene di chiamare un altro collega cosi dopopranzo anche la sua fila incominciava ad accorciarsi.
In sostanza solo per gli occhi abbiamo visitato 127 persone, solo per patologie connesse al ramo otorino 65 e per tutti e due specialisti
18lug14. Auser Trieste - Urafiki Center (9)108
Di patologie dell’otorino si parla di adenoidi, otiti, riniti, tonsilliti, sinusite molto cerume, un caso di palato ciste, non si è potuto fare l’esame dell’udito per mancanza di tempo. Per quanto riguarda gli occhi, tante allergie, miopia, cheratite, fotofobia, cataratta, astigmatismo. 10 persone sono state messe nella lista per operare la cataratta, una trentina per altri piccoli interventi, un buon numero sono state mandati dall’ottico per fare gli occhiali. Per tutte le spese relative provvederà l’organizzazione. Solo ad un piccolino è stata riscontrata una crescita anormale.
E’ stata un’esperienza bella, positiva che ti riempie di felicità e ti carica emozionalmente: tutti quelli che hanno partecipato erano soddisfatti e compiaciuti per la riuscita della giornata, sicuramente da ripetersi.
sentivo il mio spirito volare, anche se le mie gambe facevano fatica a camminare…

Maria 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Urafiki Center, un uovo di Pasqua per aiutare i meno fortunati in Africa
TriestePrima è in caricamento