L'Autorità Portuale rifà il look all'Ursus, lavori per oltre tre milioni

Il passaggio di consegne è avvenuto questa mattina proprio sul pontone della gru. L'intervento durerà otto mesi e prevede l'utilizzo di fondi ministeriali. Dipiazza: "Siamo pronti a contribuire". D'Agostino: "Un simbolo". Il 17, 18 e 19 maggio davanti a piazza Unità per i tuffi dalle grandi altezze

Immagine Giulio De Baronio

L'Ursus passa temporaneamente nelle mani dell'Autorità Portuale di Trieste che effettuerà i lavori di ristrutturazione necessari nei prossimi otto mesi. L'importo preciso dei lavori non si conosce ancora, anche se da prime ricostruzioni si può affermare che supereranno di sicuro i tre milioni di euro. Le opere di ristrutturazione riguarderanno, da fonti dell'AP, la riparazione dello scafo, della coperta, la rimozione dell'amianto e probabilmente anche un intervento di tipo strutturale per mettere in sicurezza la gru stessa.

Il costo dell'intervento

L'AP, sulla base dei tre milioni di spesa per la sistemazione - che arrivano dai fondi ministeriali - sta facendo le sue verifiche e stanno quantificando l'importo, anche se trapela il fatto che potrebbe essere necessario almeno un milione in più per la sistemazione totale. "Noi vogliamo garantire che l'Ursus si mantenga nel tempo e che galleggi. Poi quelli che saranno gli utilizzi turistici o per diverse manifestazioni, questo noi non lo sappiamo". 

A mare o a terra? 

L'AP realizzerà un intervento per mantenere il galleggiamento del pontone centenario mentre durante la conferenza stampa il sindaco ha avanzato l'ipotesi di una messa a terra dell'Ursus. "Come indirizzo credo che dovremmo posizionarlo a terra" ha affermato il primo cittadino. "Ce la metteremo tutta per farla diventare il simbolo del Porto vecchio. Noi siamo pronti a contribuire per trasformarla in qualcosa di interessante" ha concluso Dipiazza. 

Porto-11

Proprio su questo fronte trapela il posizionamento dell'Ursus davanti a piazza Unità già da giovedì prossimo per alcune gare di tuffi dalle grandi altezze organizzate da Mare Nordest e previste nelle giornate del 17,18 e 19 maggio prossimi. All'interno della tre giorni ci saranno gare di coastal rowing, gare di nuoto e molto altro, con una platea naturale qual la piazza principale di Trieste. 

L'Ursus scappa ma poi ritorna

Il presidente del porto, Zeno D'Agostino ha rimarcato "la responsabilità che ci assumiamo è grande, ma ci sono cose che si fanno sia con la testa che con il cuore. L'Ursus è a tutti gli effetti un simbolo, perché ce n'è bisogno e perché lo dice il pubblico. Questo pontone scappa fuori ma poi torna indietro, e io ci credo a queste cose". Alla conferenza stampa è intervenuto anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Francesco Russo. “Abbiamo una responsabilità verso la città perché dal suo passato abbiamo ricevuto tanto e oggi essa può vivere una stagione straordinaria. L'importante è che elementi come l'Ursus abbiano nuova vita e diventino attrattive". 

La foto in copertina è di Giulio De Baronio

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Geranio: i consigli per farlo crescere rigoglioso e forte

  • Addio alle mascherine all'aperto, ma a distanza di sicurezza: Fedriga firma l'ordinanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

Torna su
TriestePrima è in caricamento