L'Autorità Portuale rifà il look all'Ursus, lavori per oltre tre milioni

Il passaggio di consegne è avvenuto questa mattina proprio sul pontone della gru. L'intervento durerà otto mesi e prevede l'utilizzo di fondi ministeriali. Dipiazza: "Siamo pronti a contribuire". D'Agostino: "Un simbolo". Il 17, 18 e 19 maggio davanti a piazza Unità per i tuffi dalle grandi altezze

Immagine Giulio De Baronio

L'Ursus passa temporaneamente nelle mani dell'Autorità Portuale di Trieste che effettuerà i lavori di ristrutturazione necessari nei prossimi otto mesi. L'importo preciso dei lavori non si conosce ancora, anche se da prime ricostruzioni si può affermare che supereranno di sicuro i tre milioni di euro. Le opere di ristrutturazione riguarderanno, da fonti dell'AP, la riparazione dello scafo, della coperta, la rimozione dell'amianto e probabilmente anche un intervento di tipo strutturale per mettere in sicurezza la gru stessa.

Il costo dell'intervento

L'AP, sulla base dei tre milioni di spesa per la sistemazione - che arrivano dai fondi ministeriali - sta facendo le sue verifiche e stanno quantificando l'importo, anche se trapela il fatto che potrebbe essere necessario almeno un milione in più per la sistemazione totale. "Noi vogliamo garantire che l'Ursus si mantenga nel tempo e che galleggi. Poi quelli che saranno gli utilizzi turistici o per diverse manifestazioni, questo noi non lo sappiamo". 

A mare o a terra? 

L'AP realizzerà un intervento per mantenere il galleggiamento del pontone centenario mentre durante la conferenza stampa il sindaco ha avanzato l'ipotesi di una messa a terra dell'Ursus. "Come indirizzo credo che dovremmo posizionarlo a terra" ha affermato il primo cittadino. "Ce la metteremo tutta per farla diventare il simbolo del Porto vecchio. Noi siamo pronti a contribuire per trasformarla in qualcosa di interessante" ha concluso Dipiazza. 

Porto-11

Proprio su questo fronte trapela il posizionamento dell'Ursus davanti a piazza Unità già da giovedì prossimo per alcune gare di tuffi dalle grandi altezze organizzate da Mare Nordest e previste nelle giornate del 17,18 e 19 maggio prossimi. All'interno della tre giorni ci saranno gare di coastal rowing, gare di nuoto e molto altro, con una platea naturale qual la piazza principale di Trieste. 

L'Ursus scappa ma poi ritorna

Il presidente del porto, Zeno D'Agostino ha rimarcato "la responsabilità che ci assumiamo è grande, ma ci sono cose che si fanno sia con la testa che con il cuore. L'Ursus è a tutti gli effetti un simbolo, perché ce n'è bisogno e perché lo dice il pubblico. Questo pontone scappa fuori ma poi torna indietro, e io ci credo a queste cose". Alla conferenza stampa è intervenuto anche il vicepresidente del Consiglio regionale, Francesco Russo. “Abbiamo una responsabilità verso la città perché dal suo passato abbiamo ricevuto tanto e oggi essa può vivere una stagione straordinaria. L'importante è che elementi come l'Ursus abbiano nuova vita e diventino attrattive". 

La foto in copertina è di Giulio De Baronio

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Trieste e Vienna sempre più vicine: in arrivo il nuovo collegamento ferroviario

Torna su
TriestePrima è in caricamento