rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Vaccini e minorenni

Covid: genitori litigano per la vaccinazione dei figli e il caso finisce in Tribunale

Il padre e i ragazzi stessi sono d’accordo sull’immunizzazione, ma la madre si oppone. Deciderà il giudice

La madre non dà il consenso a far vaccinare i due figli adolescenti, così il padre si rivolge al Tribunale di Trieste. Un contenzioso all’interno di una coppia separata, dove il padre chiede sia rispettata la volontà dei figli di farsi immunizzare contro il Covid, non solo per poter partecipare alle attività sociali liberamente ma anche per proteggere la nonna ottantenne, convivente saltuariamente col padre. I due ragazzi minorenni, stando a quanto si apprende, hanno manifestato la volontà di ricevere il vaccino anche tramite documentati messaggi via Whatsapp. Tuttavia la madre, che vive con loro, non ha intenzione di firmare il consenso. Il giudice delegato Edoardo Sirza sentirà i ragazzi nel pomeriggio di oggi, giovedì 13 gennaio. I genitori saranno sentiti in un secondo momento. 
 

Il padre è assistito dall’avvocato Gianluca Rossi del foro di Trieste, che dichiara: “In caso di disaccordo, in questo caso, decide il Tribunale, che in un altro caso si è già espresso in favore della vaccinazione dei minori, e non solo a Trieste. Se i ragazzi dimostrano la maturità necessaria per capire di cosa si tratta, cosa che sarà valutata, deve prevalere la loro volontà. Anche perché non sono lontani dalla maggiore età”.

L’avvocato Giovanna Augusta de’Manzano, che segue la donna, dichiara che “La domanda avversaria porta istanze di tipo ludico-sociale e si fa portavoce delle paure della nonna paterna, ma nulla si legge circa la tutela della salute dei minori, valore cedevole in tutto il ricorso avversario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid: genitori litigano per la vaccinazione dei figli e il caso finisce in Tribunale

TriestePrima è in caricamento