menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scatta il "Vax day" anche per 1200 lavoratori dell'Università

Riceveranno il vaccino AstraZeneca gli under 55, prossimamente toccherà ad altre 700 persone tra i 55 e i 64 dopo l'approvazione del farmaco. Di Lenarda: "Ha aderito il 60% del personale e l'80% degli aventi diritto"

Iniziata oggi all'ospedale di Cattinara la campagna di vaccinazione anti – Covid del personale universitario. Nelle giornate di oggi e di domani circa 1200 persone sotto i 55 anni riceveranno il vaccino AstraZeneca. Quattro i turni da sei ore, in ognuno dei quali saranno vaccinate 300 persone, e nelle prossime settimane partiranno anche le somministrazioni ad altre 700 persone dai 55 ai 64 anni di età dopo la conferma della revisione dei criteri. Dopo la vaccinazione del personale dell'Università di Trieste sarà la volta dei lavoratori della Sissa.

“Ringrazio la regione che ci ha messo nelle condizioni di poter partire e Asugi, con cui abbiamo rapporti storici di ottima collaborazione – ha dichiarato il rettore Roberto di Lenarda -. Nella campagna sono impiegati anche medici specializzandi (40 persone nelle due giornate), è sicuramente un segno di sistema che funziona. La risposta degli aventi diritto è stata straordinaria perché in sei giorni ha aderito il 60%, ma più dell'80% di coloro che potevano aderire”. 
Nel comportamento dell'università, ha spiegato Di Lenarda, “non cambia niente nei sistemi di sicurezza, continueremo tutti a utilizzare Dpi e disinfettanti, fino a quando tutti quelli che potranno non saranno vaccinati la vigilanza deve essere massima”. Per quanto riguarda la frequentazione delle lezioni, Di Lenarda ha spiegato che “saranno mantenute le regole del primo semestre quindi i primi anni frequenteranno al 100% con distanziamento e gli anni successivi frequenteranno a settimane alterne”.

Analizzando l'andamento della pandemia in Friuli Venezia Giulia il vicegovernatore Riccardi ha spiegato che "si evidenzia una riduzione dell'epidemia nella nostra regione: l'indice Rt si attesta a una media 0.80, con la punta più bassa a 0.74, contro lo 0.94 della scorsa settimana e sono in calo sia i ricoveri in area medica, al di sotto della soglia del 40%, sia quelli nei reparti di terapia intensiva, ora al 31%. Anche il numero dei focolai è in riduzione, con valori d'inquadramento da zona gialla".

Riccardi ha poi confermato "l'evidente flessione degli indicatori di contagio tra i sanitari e gli anziani delle strutture residenziali, a conferma dell'efficacia della prima fase della campagna vaccinale", un risultato ottenuto "grazie all'altissima adesione alla campagna registrata in questa regione, che conferma il senso di responsabilità del personale". 

95C99699-3F4A-4341-8BCB-571D51CB335C-27779D226-3379-4F12-A5AF-8ABBC9F5458B-27A6727DD-0E0E-4B0E-B6A0-4304B1D66C33-2798B6BC8-DC33-4FF5-A743-3342320DFC10-2798D75E6-F37B-4B13-A9B7-A0977F0E13E4-2A01E4454-B0DB-416D-B1BD-CA1E4263FCA2-2Iniziata oggi all'ospedale di Cattinara la campagna di vaccinazione anti – Covid del personale universitario. Nelle giornate di oggi e di domani circa 1200 persone sotto i 55 anni riceveranno il vaccino AstraZeneca. Quattro i turni da sei ore, in ognuno dei quali saranno vaccinate 300 persone, e nelle prossime settimane partiranno anche le somministrazioni ad altre 700 persone dai 55 ai 64 anni di età dopo la conferma della revisione dei criteri. Dopo la vaccinazione del personale dell'Università di Trieste sarà la volta dei lavoratori della Sissa.

“Ringrazio la regione che ci ha messo nelle condizioni di poter partire e Asugi, con cui abbiamo rapporti storici di ottima collaborazione – ha dichiarato il rettore Roberto di Lenarda -. Nella campagna sono impiegati anche medici specializzandi (40 persone nelle due giornate), è sicuramente un segno di sistema che funziona. La risposta degli aventi diritto è stata straordinaria perché in sei giorni ha aderito il 60%, ma più dell'80% di coloro che potevano aderire”. 
Nel comportamento dell'università, ha spiegato Di Lenarda, “non cambia niente nei sistemi di sicurezza, continueremo tutti a utilizzare Dpi e disinfettanti, fino a quando tutti quelli che potranno non saranno vaccinati la vigilanza deve essere massima”. Per quanto riguarda la frequentazione delle lezioni, Di Lenarda ha spiegato che “saranno mantenute le regole del primo semestre quindi i primi anni frequenteranno al 100% con distanziamento e gli anni successivi frequenteranno a settimane alterne”.

Analizzando l'andamento della pandemia in Friuli Venezia Giulia il vicegovernatore Riccardi ha spiegato che "si evidenzia una riduzione dell'epidemia nella nostra regione: l'indice Rt si attesta a una media 0.80, con la punta più bassa a 0.74, contro lo 0.94 della scorsa settimana e sono in calo sia i ricoveri in area medica, al di sotto della soglia del 40%, sia quelli nei reparti di terapia intensiva, ora al 31%. Anche il numero dei focolai è in riduzione, con valori d'inquadramento da zona gialla".

Riccardi ha poi confermato "l'evidente flessione degli indicatori di contagio tra i sanitari e gli anziani delle strutture residenziali, a conferma dell'efficacia della prima fase della campagna vaccinale", un risultato ottenuto "grazie all'altissima adesione alla campagna registrata in questa regione, che conferma il senso di responsabilità del personale". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

Cura della persona

Scrub fai da te: la ricetta super naturale per labbra perfette

Guida

Ancora sole ma minime fino ai 4 gradi: il meteo per domani 9 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento