Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca Via Giovanni Paisiello

Atti vandalici nel centro diurno per disabili, Tenze: "Un atto di intolleranza verso i più fragili" (SEGNALAZIONE)

Eradicati i fiori e le piante coltivate dagli utenti nell'ambito delle attività ricreative. La responsabile Maja Tenze: "Il giardinaggio li fa sentire parte della società, siamo molto rattristati"

Un odioso atto vandalico ha avuto luogo questa notte nel centro diurno di via Paisiello, che ospita il Cest (Centro educazione speciale Trieste) per persone affette da disabilità cognitiva. In particolare sono stati sradicati e calpestati tutti i fiori e le piante interrate in un'aiuola e sono stati svuotati dei sacchi contenenti erbacce, che sarebbero stati conferiti oggi in un apposito contenitore (non presente nella via). Le piante eradicate e il contenuto dei sacchi è stato gettato davanti alla porta del servizio, sulla saracinesca, lungo la stradina che porta alla terrazza e nella terrazza stessa. Un atto che appare come uno sfregio nei confronti dei più fragili, gli utenti del centro che avevano effettuato le attività di giardinaggio come parte del loro percorso inclusivo.

Per Maja Tenze, responsabile della struttura e presidente della prima circoscrizione, “questi episodi sono già accaduti in passato prima del mio mandato. È un atto di intolleranza verso le persone con disabilità cognitive, che hanno portato a termine questo lavoro con entusiasmo e amore e hanno una grande sensibilità. Queste attività li fanno sentire parte della società, mi rattrista molto".

"Siamo davvero rammaricati per quanto accaduto - spiega Alessandro Bertok del centro diurno -, avevamo chiesto all'amministratore dello stabile di poter sistemare l'aiuola proprio per rendere più piacevole la corte e per migliorare i rapporti con il vicinato. Ricominceremo tutto da capo, sperando che questo gesto increscioso rimanga isolato". 

20210531_115157-2

IMG_20210605_081829-2

IMG_20210605_081815-220210531_103524-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Atti vandalici nel centro diurno per disabili, Tenze: "Un atto di intolleranza verso i più fragili" (SEGNALAZIONE)

TriestePrima è in caricamento