Cronaca

"Vandalo? No writer!", presentato progetto di promozione alla cooperazione sociale

Il progetto ha raccolto l'adesione di ottanta studenti, provenienti dagli istituti Nordio, Galvani e dalla Scuola Edile di Trieste. I ragazzi, che hanno accolto con entusiasmo l'idea approvandola nel corso delle riunioni della Consulta degli studenti

L’assessore alle Politiche attive del lavoro e Cooperazione sociale, Adele Pino, ha presentato il progetto Vandalo? No writer! organizzato dall’amministrazione provinciale in collaborazione con il Comune di Trieste con l’intento di coinvolgere gli studenti degli istituti superiori. “L’iniziativa – ha spiegato Adele Pino - nasce dalla riconosciuta necessità di avviare una campagna di sensibilizzazione  e di rispetto della cosa pubblica, evidenziando i costi generati  dagli atti di vandalismo che ricadono sulla collettività. Una finalità che non intende trascurare o sminuire l’importanza  della libera espressione artistica e, nello specifico, del linguaggio dei murales”.

Il progetto ha raccolto l’adesione di ottanta studenti, provenienti dagli istituti Nordio, Galvani e dalla Scuola Edile di Trieste.  I ragazzi, che hanno accolto con entusiasmo l’idea approvandola nel corso delle riunioni della Consulta degli studenti, partecipano ad una serie di lezioni teoriche dedicate ai temi della cooperazione sociale, della storia dell’arte e della sicurezza. Quindi passeranno alla pratica con la pulizia il 29 maggio dalle 8.30 alle 10.30 dell’area imbrattata della stazione del tram in piazza Oberdan.

Il 15, 16 e 17 giugno, dalle 10 alle 18, si dedicheranno alla realizzazione di murales nell’area cantiere di piazza Ponterosso. Oltre PROV2200-Writers-2alla sperimentazione di tecniche e materiali, alla progettazione in gruppo dell’intervento e alla realizzazione dello stesso sotto la guida di noti writers cittadini, tra i quali Federico Duse di MelArt e Danny Dughieri di Cadmio, gli studenti coinvolti potranno partecipare al concorso fotografico dedicato per il quale sono stati messi a disposizione 10 premi consistenti in buoni da 150,00 euro ciascuno da spendere in oggetti di tecnologia. Il concorso sarà aperto anche ai ragazzi che hanno aderito al progetto comunale “Street art”. “Anche all'interno del percorso del Consiglio comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, coordinato dal Comune di Trieste, Area Educazione – sottolinea l'assessore Antonella Grim – abbiamo predisposto un percorso educativo sulla street art, presso la scuola Bergamas; un modo per coltivare l'espressività e la creatività all'interno delle regole e nel rispetto dei beni pubblici.”
A conclusione del percorso verrà allestita una mostra aperta alla cittadinanza, con tutte le fotografie che perverranno sul tema dell’imbrattamento e dei murales presenti in città e in tale sede verranno premiati tutti i vincitori e presentati i risultati del progetto. E’ in programma anche una festa conclusiva il 26 giugno all’Ausonia che a partire dalle 11 del mattino, coinvolgerà tutti i ragazzi. Alla conferenza stampa ha preso parte anche l’assessore ai lavori pubblici del Comune di Trieste, Andrea Dapretto che ha ribadito la valenza educativa del progetto e la valore artistico e culturale del linguaggio dei murales. Sotto il profilo operativo il progetto è realizzato dalle cooperative Duemila Uno Agenzia sociale e La Quercia.
 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vandalo? No writer!", presentato progetto di promozione alla cooperazione sociale

TriestePrima è in caricamento