menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vendeva marijuana ai minorenni: arrestato dalla Polizia locale

In manette un 24enne serbo richiedente asilo

Alcuni cittadini avevano notato un inconsueto viavai di teenager in uno stabile di via Luciani e si erano rivolti alla Polizia locale e si è attivato subito il Nucleo di Polizia giudiziaria, sempre pronto ad intercettare segnali di disagio giovanile, soprattutto nel campo del traffico degli stupefacenti; negli anni infatti è stato protagonista di numerose e complesse indagini, mettendo spesso in luce un mercato dello spaccio che punta ai clienti più fragili ed influenzabili: gli under 18.

Anche questa volta, presi in seria considerazione i racconti degli abitanti del quartiere, gli operatori hanno avviato un'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Trieste. Già dai primi appostamenti la situazione ha assunto un profilo preciso: numerosi ragazzini uscivano dallo stabile con piccole dosi di marijuana appena acquistata. Prove e testimonianze hanno contribuito, poi, a dare un nome ed un volto allo spacciatore, ospite di un appartamento di via Luciani: si tratta di Sre?ko Jovanovic, un 24enne serbo, richiedente asilo.

Ieri, domenica 26 novembre, l'epilogo con il suo arresto per spaccio aggravato di stupefacenti: gli investigatori si sono presentati nell'appartamento ed hanno condotto il giovane in carcere, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria. «Ricordiamo - spiega una nota della Polizia locale - che la marijuana viene venduta a circa 10 euro al grammo ed i suoi effetti sui minorenni, proprio perché in una delicata fase di crescita, nel tempo sono di gran lunga più devastanti rispetto ad un consumatore adulto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La ricetta della torta mimosa per festeggiare le donne

social

Tradizioni del Carso: perché andar per osmize

social

Festa della Donna: le idee regalo per sorprendere chi ami

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento