Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Vertici di Trieste Libera sotto "Fuoco Amico": «si Pianifica un Golpe contro di noi»

Il presidente Giurastante: «Io e Parovel siamo vittime di un linciaggio» 5.5.2014 | 9.26 - «I fatti di questi giorni sono preoccupanti. Il Movimento che si batte per il riconoscimento dello Status giuridico del Territorio Libero di Trieste si...

Il presidente Giurastante: «Io e Parovel siamo vittime di un linciaggio»

5.5.2014 | 9.26 - «I fatti di questi giorni sono preoccupanti. Il Movimento che si batte per il riconoscimento dello Status giuridico del Territorio Libero di Trieste si trova sotto pesante attacco mediatico. L'attacco è cresciuto di intensità assumendo aspetti sempre più preoccupanti. Gli obiettivi principali sono rappresentati da Roberto Giurastante (il sottoscritto) quale presidente di MTL, e Paolo G. Parovel quale direttore dell'unico giornale d'inchiesta (La Voce di Trieste) attivo a difesa della causa indipendentista».

Queste le parole della nota stampa divulgata dal Movimento Trieste Libera e tratta dal blog del presidente Roberto Giurastante (clicca qui per il link). Un intervento ancora una volta in difesa di se stesso e Parovel, non solo dalla stampa, ma anche dagli attacchi interni che ormai hanno preso il via dopo le espulsioni e sospensioni, per motivi non del tutto chiari, di alcuni militanti e membri del direttivo. «Tale attacco in corso viene supportato dall'interno dello stesso Movimento da una fazione che ha apertamente dichiarato di volere attuare un golpe nei confronti dell'attuale dirigenza e che include sia alcuni dei dirigenti e fondatori, sia un gruppo "sicurezza" ad essi collegato. La campagna di contrasto sviluppata in particolare sui social network con evidente regìa professionale è consistita nel delegittimare immediatamente l'allarme specifico lanciato dal presidente di MTL e dal direttore della Voce di Trieste (pure iscritto a MTL) su attività e minacce di un tessuto di mafie, politici e servizi devianti, e nel sostituire in concreto tale minaccia esterna con quella di estremisti interni aizzati con una campagna di false notizie e di odio nei confronti dei due bersagli, utilizzando una vera e propria tecnica di linciaggio».

Al link che abbiamo riportato di sopra è possibile leggere alcune frasi trascritte da Giurastante a prova del suo pensiero.

«Solo l'altra settimana questo gruppo segreto è uscito allo scoperto presentando una richiesta di dimissioni del Presidente antidemocratico, il "dittatore" che non tollera comportamenti violenti da parte di chi rappresenta MTL. Ebbene, su trentuno componenti che hanno firmato la mozione dieci non risultano nemmeno essere iscritti - conclude Giurastante -. Cosa si nasconde dietro a questi cavalieri neri della sicurezza che secondo il loro capo sarebbero entrati, sotto controllo del Ministero dell'Interno italiano, nel Movimento?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vertici di Trieste Libera sotto "Fuoco Amico": «si Pianifica un Golpe contro di noi»

TriestePrima è in caricamento