Cronaca Via degli Artisti

Via degli Artisti ed ex Filodrammatico, ICS: «Da tre anni esperienza positiva con Hotel “Città di Parenzo” »

Il Consorzio di solidarietà sui recenti fatti di cronaca della zona: «Tono allarmistico di alcune recenti notizie date dalla stampa locale»

L'ICS «deplora il tono allarmistico di alcune recenti notizie date dalla stampa locale relativamente a situazioni di degrado riscontrate nell'area di via degli artisti e all'ex Filodrammatico». Il Consorzio di solidarietà da poco riconfermato con Caritas e altre Onlus come gestori dell'accoglienza in città, dirama una nota in merito a due episodi che hanno visto la zona citata scena di altrettanti "episodi": il primo riguarda l'identificazione e la denuncia di due richiedenti asilo da parte della Polizia locale che li ha trovati a bivaccare nella strututra fatiscente dell'ex Filodrammatico; il secondo fatto è quello che ha visto protagonista l'ex cestita e ora imprenditore Fabrizio Zarotti che ha denunciato il degrado della zona in seguito al ritrovamento di un coltello sporco di sangue appena alzata la saracinesca del suo negozio.

«In particolare, di concerto con la proprietaria dell'Hotel “Città di Parenzo” - precisa ICS - è in atto da oltre tre anni una positiva esperienza di accoglienza dei richiedenti asilo organizzata da operatori sociali, e i richiedenti asilo che vivono nell'hotel, al pari di tutti gli altri richiedenti asilo che abitano nella città, sono inseriti in percorsi di formazione, apprendimento della lingua italiana e attività di volontariato. Eventuali problematiche che riguardano lo stabile abbandonato dell'ex Filodrammatico, che non hanno nulla a che fare con il sistema dell'accoglienza, vanno affrontate con interventi di aiuto nei confronti di persone disagiate senza alimentare inutili paure e senza enfatizzare episodi di ben modesta portata».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via degli Artisti ed ex Filodrammatico, ICS: «Da tre anni esperienza positiva con Hotel “Città di Parenzo” »

TriestePrima è in caricamento