Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Roberti, il vicesindaco con le deleghe «dei messaggi forti»: sicurezza e famiglia tradizionale

Intervista con il vicesindaco Pierpaolo Roberti sulla polizia locale armata, Casa della Culture e Fabio Tuiach, "Gioco del Rispetto", grandi eventi "prossimi" e futuri

Da candidato sindaco per la Lega Nord a vicesindaco designato da Roberto Dipiazza nel momento dell'accordo del centrodestra. Pierpaolo Roberti subentra a Fabiana Martini nell'ufficio adiacente a quello del primo cittadino ed eredita anche alcune delle deleghe care al Carroccio: Sicurezza, Polizia locale, Famiglia e infine Grandi Eventi

POLIZIA LOCALE - In qualità di "responsabile" dei vigili, Roberti difende l'idea, condivisa, di armare una parte (40) operatori su base volontaria «non è qualcosa di fondamentale, ma è importante a tutela degli agenti della polizia locale: perchè effettuano arresti, come le altre forze dell'ordine, e quando effetti un arresto non ti trovi davanti una "brava persona"; inoltre se vogliamo che ci sia il servizio h24, è obbligatorio armarli». 

«Tutti dicevano in campagna elettorale "la Lega cavalca l'onda, ma non può fare nulla": abbiamo dimostrato che basta una telefonata fatta da amministratori capaci al comandante del corpo per risolvere un problema (riferimento a piazza della Libertà e viale XX Settembre che dal primo giorno hanno visto la presenza fissa della polizia locale, ndr) e dare un segnale, facendo capire che l'Amministrazione è vicina al cittadino». 

Sulle chiusure dei locali per il Regolamento "Movida" Roberti ha spiegato che «c'è un doppio binario ed è evidente che c'è un problema: da una parte c'è un regolamento che scontenta il residente, ma allo stesso tempo l'esercente. Il nuovo regolamento - che non mi compete - dovrà essere scritto con le associazioni di categoria e di cittadini, cercando di tutelare chi si è sempre comportato bene, punendo di più i "furbetti" che se ne sono sempre approfittati». 

In merito agli ambulanti e "parcheggiatori abusivi" lungo le rive «dobbiamo dare alla polizia locale gli strumenti necessari per intervenire: nei primi giorni ho dato ordine agli uffici - proprio per dare dei messagi - di preparare un'ordinanza. Se il cittadino segnala una situazione di disagio dobbiamo intervenire, ma come non possiamo permettere che il biglietto da visita della città sia questo».

TUIACH - CASA DELLE CULTURE - «Fabio (Tuiach, ndr) è una persona che scrive quello che pensa su Facebook esattamente come tutti gli altri, dice delle cose che molti pensano; poi ovvio è uno di quelli che ha preso più preferenze, ha un suo seguito, e quando dice qualcosa suscita clamore, ma non dice nulla di sbagliato», spiega Roberti (che è anche segretario provinciale della Lega Nord) in merito alla questione denunciata dal pugile triestino sulla Casa delle Culture; «là è chiaro che c'è una situazione di illegalità, quantomeno perchè non viene pagato il canone (edificio pubblico di competenza Ater con la Provincia che faceva da garante di un accordo con i vertici) ed è occupato abusivamente: è chiaro che va liberata la struttura, che però è di competenza di altri enti».

ACCOGLIENZA - Tiene subito a precisare che l'ultima determina dirigenziale (del 5 luglio), relativa al finanziamento dal 1 al 31 luglio di 900 mila euro per l'accoglienza «non c'entra con questa Giunta che come noto è stata appena ufficializzata il primo di luglio: di certo il "modello Trieste" tanto sbandierato in realtà non è un modello, perchè non può essere considerata tale l'invasione subita o l'ingiustizia sociale subita dal cittadino; inoltre i dati ci dicono che i numeri non sono calati».

FAMIGLIA - «Con questa delega voglia lanciare un messaggio di discontinuità con una parte politica che vuole distruggere le prerogative della famiglia, soprattutto in un momento storico così difficile e vogliamo che venga rimessa al centro della discussione politica. Penseremo a una serie di iniziative, ovviamente in collaborazione con gli altri assessorati». Quanto al "Gioco del Rispetto" «va cancellato».

GRANDI EVENTI - «Oltre alla Barcolana e i concerti già previsi ci sono molte iniziative in mente, ma per adesso ci concentriamo su questi che dobbiamo far funzionare bene».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberti, il vicesindaco con le deleghe «dei messaggi forti»: sicurezza e famiglia tradizionale

TriestePrima è in caricamento