menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Profughi a Fernetti, la denuncia dei sindacati: «Vigili del fuoco come facchini» (FOTO)

Squadre di Vigili del Fuoco di Trieste impiegate per l'allestimento di un campo per "richiedenti asilo" che sta sorgendo in un campeggio in località Fernetti. Il vicesindaco Roberti: «Se si arriva a dover usare il corpo dei Vigili del Fuoco per una tendopoli, allora bisogna chiedere riduzione del numero degli accolti in città»

Squadre di Vigili del fuoco di Trieste altamente specializzate, utilizzate in queste ore per «facchinaggio al servizio dei richiedenti asilo». Trasporto di materiale e lavoro di facchinaggio con allestimento di tende e posti letto che ospiteranno richiedenti asilo. Tale operazione «ha tolto dal servizio tecnico urgente di soccorso ai contribuenti circa il 50% del personale operativo in servizio nell'ambito cittadino e almeno 5 mezzi di soccorso. Il materiale: tende, letti e quanto necessario, fa parte delle dotazioni della Protezione Civile che andrebbe utilizzato in caso di calamità». Lo rende noto in un comunicato il sindacato Ugl dei Vigili del Fuoco di Trieste.

Sembra siano 5 le tende che saranno montate in tre giorni in un campeggio nella località di Fernetti e che ospiteranno presumibilmente circa 40 persone (tende della Protezione Civile da 8 posti, n.d.r.). Sul posto erano già presenti circa una decina di richiedenti asilo, insieme a fruitori locali del campeggio. Gli operatori dei vigili del fuoco impiegati, lavorano in situazioni limite, costretti a montare le tende con temperature elevate sia fuori che dentro le strutture.

Ieri, 19 luglio, dalle 9.00 alle 17.30, quindi quasi un intero turno lavorativo (il turno lavorativo Vigili del Fuoco è di 12 ore, n.d.r.) è stata impiegata una squadra di operatori dei Vigili del Fuoco di Trieste altamente specializzata, per il trasporto e facchinaggio del materiale. Oggi è iniziato il montaggio delle tende e per tale servizio sarebbe stato richiesto anche l'intervento di una squadra dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Opicina, oltre ai già coinvolti operatori di Trieste, per il montaggio di tre tende. Domani l'ultimazione dei lavori con il completamento di un totale di 5 tende, con relativi posti letto e tutto il materiale necessario per un campo, in dotazione alla Protezione Civile.

Il vicecoordinatore provinciale del sindacato Ugl Vigili del Fuoco di Trieste, Fulvio Innocenti: «È allucinante impiegare vigili del fuoco per operazioni del genere togliendo il 50% del personale operativo in servizio nell'ambito cittadino, personale che in quel momento può portare soccorso. Una squadra al soccorso urgente dei cittadini della città e di certo in caso di emergenza non riusciremo a essere in tre minuti sul luogo dell'intervento» arrivando da Fernetti e mentre è intento a montare tende da campo.

I sindacati Uil e Usb lamentano una totale assenza della Protezione Civile per questa operazione: «I vigili del fuoco impiegati hanno dovuto prelevare il materiale dai magazzini della Protezione Civile e portare tutto sul posto. Facile in questo modo impiegare manodopera gratuita già retribuita dalla collettività»

Il vicesindaco Pierpaolo Roberti: «Non entriamo in quella che è la decisione della Prefettura, ma questo è chiaramente un segnale di quello che diciamo da anni ormai, cioè che il fenomeno dell’immigrazione incontrollata non è sostenibile per il nostro Paese e la nostra città. Se si arriva a dover usare il corpo dei Vigili del Fuoco per una tendopoli, allora la situazione non è sotto controllo e quindi un motivo in più per chiedere la riduzione del numero degli accolti in città».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Salute

Controlli gratuiti per le donne: torna l'H-Open Week di Onda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento