menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Revoltella tra i "Parchi piu' Belli d'Italia"

Villa Revoltella entra per la prima volta tra i siti segnalati dal portale “Il Parco più bello d’Italia”, titolare dell’omonimo Concorso Nazionale di Parchi e Giardini, e acquista con ciò notevole visibilità e uno spazio “dedicato” (in www...

Villa Revoltella entra per la prima volta tra i siti segnalati dal portale "Il Parco più bello d'Italia", titolare dell'omonimo Concorso Nazionale di Parchi e Giardini, e acquista con ciò notevole visibilità e uno spazio "dedicato" (in www.ilparcopiubello.it) dove sono messe in mostra alcune sue suggestive immagini e la storia della Villa con l'annesso parco.

Il portale dei 'Parchi Più Belli d'Italia'- che ha ricevuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, del FAI e dell'Associazione Italiana Architettura del Paesaggio - è una guida online ai parchi e giardini italiani che ha lo scopo di valorizzare e promuovere l'inestimabile patrimonio architettonico e paesaggistico presente nella nostra penisola, uno dei più ricchi e storici al mondo, annoverato tra le meraviglie dell'architettura e della Natura, tuttavia spesso non sufficientemente conosciuto e perciò meritevole di maggior risalto e attenzione.

Soddisfazione in tal senso è stata espressa dall'assessore ai Lavori Pubblici e Patrimonio Andrea Dapretto e dalla dirigente comunale del Verde Pubblico Antonia Merizzi che hanno accolto questa importante e lusinghiera novità come uno stimolo a rendere ancor più pregevole e interessante questo prezioso gioiello verde cittadino.

Il parco di Villa Revoltella - che occupa una superficie di 50mila metri quadrati- fu di proprietà del Barone Pasquale Revoltella, imprenditore e finanziere di origine veneziana (1795-1869), personaggio tra i più autorevoli e rappresentativi della Trieste imperiale, in cui svolse una parte di primo piano sia nella vita economica che nelle vicende politiche.

Fortemente attaccato alla sua città d'adozione, tra il 1854 e il 1858, il Barone Revoltella costruì per sè uno chalet sulla collina detta "del Cacciatore" .

Tutto il parco - attualmente gestito in amministrazione diretta dal personale in forza al Servizio Spazi Aperti e Verde Pubblico del Comune di Trieste - è visitabile grazie ai vialetti pavimentati e in "misto rosso" (coccio triturato dal caratteristico colore rossastro), intervallati da aiuole fiorite e aree prative ben curate su cui dominano grandi alberi secolari.

Situato su un'ampia zona in declivio alla cui sommità si trova l'ingresso, il parco contiene la casa del custode, la bella chiesa in pietra carsica, e una graziosa vasca popolata di pesci rossi e tartarughe, la 'gloriette', la casa parrocchiale e le vecchie scuderie (ora depositi).Verso la parte occidentale si può ammirare l'imponente serra di vetro e ghisa con un tipico giardino all'italiana; quindi, percorrendo un'area a bosco si accede allo chalet dei Revoltella, inserito in modo armonico nell'ambiente naturale da cui si gode bellissimo panorama.

Nella parte retrostante la chiesa, si stagliano ampi terrazzamenti con una bella collezione di rose antiche, antichi vasconi pieni di lavande e camelie che fanno da cornice all'ampia scalinata, al cui centro si trova la fontana con una statua di Pinocchio, mentre nelle zone sottostanti sono collocate le aree gioco attrezzate per le attività ludiche dei più piccoli cittadini di Trieste.

L'entrata al parco è libera (orario al pubblico: invernale, dalle 7.00 alle 19.00; estivo, dalle 7.00 alle 20.00).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento