menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Natale vicini ma protetti con il muro degli abbracci

Nella Comunità residenziale AISM di Villa Sartorio è stato allestito il Muro degli Abbracci dove i familiari da sabato 19 dicembre possono finalmente stringersi pur rimanendo protetti.

Attraverso un telo di plastica dotato di guanti lunghezza braccia, gli ospiti e le loro famiglie potranno finalmente abbracciarsi, pur rimanendo protetti rispetto al rischio di contagio da coronavirus. Una soluzione tanto semplice, quanto importante e funzionale per riabbracciare i propri cari durante la pandemia. I guanti sono stati posizionati ad una altezza tale da consentire l’abbraccio anche se l’ospite è in carrozzina: una soluzione semplice, quasi ovvia, ma che rende fruibile il Muro a tutti gli ospiti della Comunità, andando oltre il livello di disabilità che presentano.

Le visite attraverso il Muro sono state possibili da sabato 19 dicembre per finalmente riabbracciare i propri cari in totale sicurezza e per scambiarsi gli auguri di Natale! Da quel giorno, il Muro degli Abbracci è presente in struttura fino al termine dell’attuale emergenza sanitaria e potrà essere utilizzato in settimana dalle ore 16.30 alle ore 17.30 (una sola visita al giorno per un ospite, con un solo congiunto per volta) e nei week end e nei giorni festivi dalle ore 10.30 alle ore 11.30 e dalle ore 16.30 alle ore 17.30 (due visite al giorno per due ospiti, con un solo congiunto per volta), previa definizione dell’appuntamento con il coordinatore del Centro. “Potremmo consentire il contatto fisico – seppur interposto – con il proprio marito, la propria moglie, il proprio figlio, fondamentale per il benessere mentale ed emotivo dei nostri ospiti” dice Sara Topini, Coordinatore Nazionale dei Centro Socio Assistenziali AISM.

Per tutto il periodo di lockdown le visite in presenza sono state sospese: per 4 mesi gli ospiti hanno potuto vedere i loro familiari solo attraverso il video di un tablet o di un pc, grazie all’impegno quotidiano di tutti gli operatori che li hanno supportati nei collegamenti. Sicuramente è stato un periodo molto difficile. Anche dopo il lockdown, le visite sono potute riprendere in modo graduale e “protetto”: distanti, tanto distanti e senza alcun contatto fisico. Il Muro degli Abbracci ci consentirà finalmente di stringerci di nuovo. E il Natale è il momento più adatto per fare un regalo speciale ai nostri ospiti: ricevere gli abbracci dei propri cari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Utenze

Canone Rai: come richiedere l'esenzione per l'anno 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento