Cronaca

Vinili e giradischi, l'operazione "salva umore" per gli ospiti della casa di riposo di Muggia

Canzoni di Mina, colonne sonore di vecchi film anni ‘40/’50 e musiche dell'opera allietano ormai quotidianamente le giornate degli ospiti di Salita Ubaldini

Videochiamate, fisioterapia, animazione: nella Casa di Riposo muggesana ci si è ingegnati sin da subito per far superare al meglio agli ospiti le restrizioni derivanti dall’emergenza Covid -19. “Una delle conseguenze più tristi di questa emergenza sanitaria è senz’altro la solitudine e la lontananza dai propri cari, un disagio che riguarda soprattutto gli anziani” ha rimarcato l’assessore Luca Gandini che ha spiegato come ”oltre all’impegno quotidianamente profuso per garantire la tutela della salute dei nostri anziani, in salita Ubaldini si continua a integrare il servizio con ogni azione utile a migliorare la qualità della vita degli ospiti e mantenere alto il morale”.

Ed è in questo contesto che, proprio di questi giorni, la struttura di salita Ubaldini ha aggiunto un altro interessante capitolo alla lunga storia di ingegnose attività ricreative “salva umore”. “Il tutto trova origine in realtà nel dicembre 2018 con la nascita dei “Musicanti de Muja”, un gruppo di volenterosi volontari musicali che coinvolgeva gli ospiti in attività di coro” fanno sapere da Salita Ubaldini. “Coro che peraltro allietava e animava poi le feste di compleanno degli ospiti”. “Gli ospiti della Casa di riposo non possono uscire dalla struttura e le attività solitamente offerte da operatori esterni quali la Croce Rossa e altri gruppi di volontari come, appunto, i “Musicanti de Muja” sono ancora sospese” ha aggiunto Gandini. “Da qui la scelta di arricchire ulteriormente le attività interne ed in particolare quella musicale che fra tutte è quella che sembra portare più serenità e benessere ai nostri anziani ospiti”.

Ecco, dunque, che la Casa di Riposo si è arricchita di un nuovo giradischi per l’ascolto di vecchi vinili: uno strumento portatile con casse audio incorporate, in modo da essere facilmente trasportabile in tutti tre i piani della struttura considerando le misure attualmente in vigore all’interno della struttura comunale muggesana. A corredo di questo prezioso strumento di riproduzione musicale, fonte di stimoli ed emozioni, vi è inoltre una ricca raccolta di vinili generosamente offerti da persone vicine ai nostri anziani - non da meno anche proprio da alcuni “Musicanti”- che allietano ormai quotidianamente le giornate degli ospiti di Salita Ubaldini con canzoni d’altri tempi che spaziano da vecchie marcie triestine al repertorio di cantautori italiani quali Mina, Baglioni e Fogli; da musiche dell’opera e dell’operetta a ballabili classici riportati alla memoria con “canzoni da balera”, da colonne sonore di vecchi film anni ‘40/’50 a cori vari non per ultimo quello degli alpini.

“Il periodo che stiamo vivendo ora risveglia in molti il ricordo di quanto già vissuto pochi mesi or sono. Un periodo che per gli anziani, i più fragili anche sul piano umano, diventa ancor più critico e difficile da affrontare” ha commentato il sindaco Laura Marzi. “Molti ospiti di salita Ubaldini hanno espresso il desiderio di poter riascoltare i dischi legati al proprio passato e questo giradischi ci sembra la soluzione più adatta per risvegliare attraverso i vinili emozioni senza tempo. Una determinata canzone può evocare ricordi ed immagini del nostro passato che credevamo dimenticati e farne riemergere tutto il sentire: la musica va ad attingere dalla memoria del cuore e restituisce ai nostri anziani emozioni e sentimenti che sono ancora più preziosi in questo difficile periodo”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vinili e giradischi, l'operazione "salva umore" per gli ospiti della casa di riposo di Muggia

TriestePrima è in caricamento