menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza di genere: "Questo non è amore", l'iniziativa da 20 mila visitatori continua l'8 marzo

Un progetto della Polizia di Stato che si propone di portare alla luce i maltrattamenti nei confronti delle donne

La Polizia di Stato organizza un incontro sulla violenza di genere nella giornata internazionale della donna. L'evento è inserito nell'ambito di “…Questo non è amore”: la campagna di sensibilizzazione organizzata dalla Polizia. Nella sala matrimoni del Comune di Trieste in piazza Unità, dalle 9 alle 15, il personale della Questura sarà a disposizione della cittadinanza, in particolare delle donne, per sentire le loro esperienze, per scambiare opinioni su temi di drammatica attualità che spesso non si menzinoano per paura di ripercussioni e per sentimenti che nulla hanno a che fare con l’amore.

Le donne che subiscono atti di violenza possono segnalarli e parlarne attraverso questo progetto che ha portato, dallo scorso luglio ad oggi, quasi 20 mila persone nei camper, nei gazebo e negli spazi incontro allestiti per informazioni, suggerimenti e denunce contro questo tipo di crimine. Un'iniziativa analoga ha appena avuto luogo il 14 febbraio scorso, in occasione di san Valentino, quando in molte città il personale della Polizia, affiancato da operatori specializzati, ha sensibilizzato l’opinione pubblica sui temi della violenza di genere e ha aiutato alcune vittime di questi efferati comportamenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Cosa non regalare mai per la Festa della mamma e perché

social

"Buon viaggio 'doc'": l'ultimo saluto di Manuel al medico che gli salvò la vita

social

Festa della mamma: origini e curiosità

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Via libera alle visite agli ospiti delle Rsa: ecco le regole

  • Cronaca

    Covid: in Fvg 90 nuovi casi, nessun decesso a Trieste

  • Cronaca

    Incendio in via Belpoggio: evacuato lo stabile

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento