Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Muggia - San Dorligo

Discariche non autorizzate: anche Muggia nel mirino dell'Ue

Vito: «Non si rilevano rischi per l'ambiente e la salute; i siti d'interesse sono oggetto di procedimenti di chiusura o già chiusi»

foto di repertorio

In merito al deferimento dell'Italia alla Corte di giustizia europea sancito nei giorni scorsi dalla Commissione Ue nell'ambito della procedura di infrazione aperta nel 2011 per la violazione della direttiva sulle discariche, l'assessore regionale all'Ambiente del Friuli Venezia Giulia Sara Vito ha sottolineato che l'Amministrazione regionale sta affrontando «con grande impegno e determinazione» questa problematica concernente i casi che riguardano il territorio regionale, i quali rappresentano «una pesante eredità del passato che stiamo cercando di risolvere».
Vista la situazione, comunque, l'assessore Vito ha osservato che «non si rilevano rischi per l'ambiente e la salute, in quanto i siti d'interesse sono finalmente oggetto di procedimenti di chiusura o già chiusi».

Nel dettaglio va precisato che in materia di discariche esistono due procedure di infrazione.
La prima (la n. 2003/2077) ha per oggetto tre direttive europee che sarebbero state violate; infatti l'Italia avrebbe attivato, sull'intero territorio nazionale, un numero di discariche non autorizzate, di cui tre in Friuli Venezia Giulia: una è sita nel Comune di Trivignano Udinese (Ud), un'altra nel Comune di Majano (Ud) e la terza si trova a Muggia (Ts), anche se in questo ultimo caso non si tratta di una vera e propria discarica, ma di un sito da bonificare.
Il procedimento a carico dell'Italia si è concluso con la sentenza della Corte di giustizia Ue del 2 dicembre 2014, di condanna del nostro Paese al pagamento di una sanzione.
Il tentativo del Ministero delle Finanze (Mef) di rivalersi nei confronti della Regione e dei Comuni è stato bloccato dalla stessa Amministrazione regionale, che ha chiesto ed ottenuto dal Tar Lazio l'annullamento dell'atto di messa in mora notificato dal Mef (sentenza dell'8 febbraio 2017).

La seconda procedura di infrazione riguarda il deferimento dell'Italia - quello sancito nei giorni scorsi - per violazione dell'articolo 14 della Direttiva 199/31/CEE, che prevedeva la chiusura o la regolarizzazione di tutte le discariche esistenti entro il 16 luglio 1999 (procedura n. 2011/2215).
Per quanto riguarda la nostra regione, le discariche interessate sono cinque: tre di esse, però, sono comprese nel Sito di Interesse Nazionale (Sin) di Torviscosa. In tal caso la competenza a disporre la chiusura è attribuita al ministero dell'Ambiente, che sta portando avanti - anche con il contributo della Regione - i relativi procedimenti.
Le altre due discariche sono le stesse della prima procedura di infrazione: quelle di Trivignano Udinese e di Majano. Per quanto riguarda quest'ultima, la Provincia di Udine ne ha determinato la chiusura il 27 luglio 2016, mentre la discarica sita in Trivignano Udinese, già oggetto di un sequestro penale, sarà chiusa entro il prossimo 20 giugno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Discariche non autorizzate: anche Muggia nel mirino dell'Ue

TriestePrima è in caricamento