rotate-mobile
Venerdì, 21 Giugno 2024
L'impegno della politica

Wartsila, il sindacato: "Servirà il sostegno del prossimo Consiglio regionale"

Cisl: "Per assicurarsi la continuità degli impegni presi dall'attuale consigliatura rispetto al futuro del polo industriale della Wärtsilä, sarà richiesto un incontro al neo Presidente del Fvg". Prossimo incontro il 18 aprile al MiMIT

Il futuro dei 1150 dipendenti della Wärtsilä è ancora incerto e la situazione dipenderà in larga misura dal sostegno del prossimo Consiglio regionale. Per assicurarsi la continuità degli impegni presi dall'attuale consigliatura rispetto al futuro del polo industriale della Wärtsilä, sarà richiesto un incontro al neo Presidente della Regione Friuli Venezia Giulia. E' quanto emerge dalla nota stampa della Cisl, che annuncia per il 18 aprile un incontro al MiMIT per approfondire i contenuti di proposte di reindustrializzazione, prevista per la dismissione della produzione dei grandi motori navali e terresti che coinvolgerà circa 350 lavoratori, che arriveranno alla direzione di Wartsila entro il 14 aprile.

"Nelle assemblee tenute in questa giornata presso lo stabilimento di Bagnoli, alla presenza anche dei coordinatori nazionali di Fim Fiom Uilm - spiega il sindacato -, si è ribadito con i lavoratori che le manifestazioni di interesse dovranno caratterizzarsi non solo per la continuità lavorativa e salariale, ma anche per attività industriali strategiche non solo per il territorio Giuliano ma per l’intero paese". Durante le assemblee, sottolinea la nota, "sono emerse preoccupazioni dei lavoratori rispetto alle proposte industriali: potranno garantire il lavoro a tutti gli attuali occupati in produzione, saranno garantite le attuali retribuzioni, le professionalità costruite in questi anni e soprattutto le produzioni industriali avranno prospettiva di lungo periodo?"

"Queste risposte - conclude il sindacato - le potremo trovare solo in parte dall’esame delle manifestazioni di interesse, dovremo avere garanzie anche dalla politica, Ministero e regione del Friuli Venezia Giulia, per sostenere il percorso di reindustrializzazione. Questo è l’impegno che il Presidente Fedriga si è assunto in questo mandato politico, sarà richiesto di confermarlo anche per la prossima consiliatura se sarà confermato o al nuovo Presidente che verrà eletto nella tornata elettorale del prossimo 2 e 3 aprile".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Wartsila, il sindacato: "Servirà il sostegno del prossimo Consiglio regionale"

TriestePrima è in caricamento