Cronaca

A vela da Trieste ad Hong Kong, l'arrivo in India e la voglia di ripartire

Fabrizio Pizzioli e Matthew Hampton Wakeling sono partiti il 3 marzo scorso dalle rive del capoluogo regionale e stanno veleggiando verso la Cina, lungo un'ipotetica via della seta marina. Sono arrivati in India e stanno aspettando di prendere nuovamente la via del mare

L'arrivo in India, la quiete terrestre dopo oltre due settimane passate in mare aperto a veleggiare dal temibile golfo di Aden, trasportati dalle onde dell'oceano Indiano. Fabrizio Pizzioli e Matthew Hampton Wakeling sono partiti il 3 marzo da Trieste con l'intenzione di approdare sulle rive della metropoli cinese di Hong Kong. Dopo le prime settimane passate a bordeggiare lungo l'Adriatico e l'Egeo, il canale di Suez e il mar Rosso, i due "improvvisati" velisti sono entrati in quella che fin dall'inizio è sembrata essere la parte più difficile dell'epico viaggio, vale a dire il golfo di Aden. 

L'ultima settimana di viaggio: l'arrivo a Kochi

Dal golfo di Aden all'India

La sosta a Socotra e poi la barca messa in direzione delle coste del continente indiano, per giungere, qualche giorno fa, a Kochi. Qui, i due si sono dovuti fermare sia per prendere fiato, rifocillarsi e riposarsi, sia per effettuare alcune importanti riparazioni sullo scafo della Nemesis, la barca di 15 metri sulla quale si sono imbarcati. 

wesailthesilkroad-3

Una volta scesi a terra i due si sono mescolati alla popolazione locale, hanno viaggiato tra mercati, l'ospitalità della gente, la sete soddisfatta da qualche birra, la specialità del cibo indiano e molto altro. Fabrizio e Matthew poi hanno deciso di intraprendere un viaggio interno, verso Munnar, una città a poco più di 50 chilometri da Kochi. 

"Quasi pronti per ripartire"

Una zona di montagna dove per la prima volta i due assaporano il piacere di una doccia calda - l'ultima era stata a Corfù, nelle isole Ionie della Grecia - il primo letto morbido e normale e nel frattempo si lasciano ammaliare dalla bellezza della periferia di Munnar. "Dobbiamo ancora sistemare alcune cose sulla barca, ma siamo quasi pronti per partire verso il golfo del Bengala" scrivono così i due sulla pagina Facebook e sul sito

wesailthesilkroad.jpg 2-2

[continua] 

Leggi le precedenti puntate di We sail the silk road 

La partenza da Trieste

Il diario della prima settimana: l'arrivo in Grecia

Sfuggiti al colpo di stato in Sudan: veleggiando nel mar Rosso

Somaila e Yemen: l'arrivo nel golfo di Aden

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A vela da Trieste ad Hong Kong, l'arrivo in India e la voglia di ripartire

TriestePrima è in caricamento