Il PD a Verona: "Fedriga dovrebbe vergognarsi"

L'eurodeputata Isabella De Monte presente alla contromanifestazione: "Mi chiedo se inserirà anche lui il feto di gomma tra i gadget della Regione Friuli Venezia Giulia". Il Governatore aveva affermato: "Mi chiedo il motivo di tanta aggressione nei confronti del Congresso"

foto De Monte

"Le parole del presidente Fedriga sono gravissime: si ricordi che lui è il presidente di tutti". Isabella De Monte, eurodeputata del Partito Democratico e presente alla contromanifestazione di Verona, è intervenuta così dopo la scelta, annunciata già negli scorsi giorni, da parte del Governatore Fedriga di partecipare al World Congress of Families e di concedere il patrocinio della Regione Friuli Venezia Giulia. "Il presidente Fedriga non solo sbaglia, ma dovrebbe vergognarsi. Mi chiedo se inserirà anche lui il feto di gomma tra i gadget della Regione".

La partecipazione al flash mob del cinema K2

"Non si arroghi il diritto di scegliere chi vuole o non vuole rappresentare" ha continuato la De Monte. "Chi ha il diritto o meno di definirsi famiglia; chi ‘merita’ l’attenzione delle istituzioni e chi no. Il suo atteggiamento nei confronti dei nostri concittadini è discriminatorio ed esclusivo". L’eurodeputata del PD, assieme ad una delegazione delle Donne Democratiche del Fvg, ha partecipato al flash mob e al corteo Liber.E, organizzati dai sindacati confederali, dalle Donne Democratiche e da molte associazioni come contromanifestazione durante il congresso sulla famiglia.

Evitino lezioni di moralità

Secondo De Monte "suggerirei caldamente di evitare lezioni di moralità, rettitudine e buoni sentimenti a chicchessia, men che meno a chi rappresenta le Istituzioni. Sono abbastanza convinta che se guardassimo oltre le mura domestiche di tanti pseudo moralisti, molti dei quali a Verona a festeggiare la cosiddetta famiglia tradizionale, ne vedremmo delle belle".

"Non capisco l’accanimento contro chi non fa parte della famiglia tradizionale, come gli omosessuali, che sono presenti – sottolinea De Monte - anche nella stessa Lega. Molti di coloro che saranno a Verona a dirci come dovremmo vivere le nostre relazioni, la famiglia tradizionale non ce l’hanno, ma hanno fatto figli fuori dal matrimonio o con più partner, e magari oggi hanno più famiglie, come Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Non credo possano quindi essere loro a dirci se noi siamo famiglia o meno".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La differenza tra gay pride e congresso di Verona"

"Infine – conclude De Monte – se Fedriga non la capisce da solo, gli spiego volentieri io la differenza tra il patrocinio al gay pride e quello al congresso di Verona: con il primo si chiede di ampliare i diritti, rappresentare tutti, includere; con il secondo si punta a togliere diritti, discriminare, escludere. Altro che concezione unidirezionale della democrazia: il primo è democrazia, il secondo un po’ meno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Come ottenere la carta d'identità elettronica a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • Scomparsa una bambina di sei anni in Carso: ricerche in corso

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tutti i nuovi contagi sono fuori Trieste, nessun decesso in Fvg

Torna su
TriestePrima è in caricamento