Writer "incastrato" dal tatuaggio: aveva imbrattato scala dei Giganti

La Polizia Locale, dopo approfondite indagini, ha notato tra i frequentatori di piazza Goldoni un ragazzo con il suo "tag" tatuato sul braccio. La sua identità è stata poi confermata dalle immagini delle telecamere

Foto: Giovanni Aiello

Dopo aver imbrattato un'abside in Scala dei Giganti un giovane "writer" è stato identificato e denunciato dalla Polizia Locale. Rischia ora fino a un anno di reclusione e 3000 euro di multa.

Le indagini

Dalle indagini è emerso che il tag in vernice rossa - così si chiama la firma stilizzata dell'autore - non apparteneva a nessuna delle persone già note nell'ambiente monitorato dalla Polizia Locale. L'indagine è iniziata con l'acquisizione delle immagini delle telecamere che hanno individuato un giovane di sesso maschile, sulle cui caratteristiche si sono poi calibrati i successivi servizi di osservazione e controllo, mirati soprattutto ad alcuni frequentatori di piazza Goldoni e dintorni.

Scritte anti-Salvini, writer "beccati" da Polidori: "Preparate i portafogli"

La denuncia

Una settimana fa, durante l'accertamento dei documenti di un gruppo di giovani, gli investigatori hanno notato che uno di essi esibiva un tatuaggio con lo stesso tag scoperto in Scala dei Giganti. La comparazione fotografica dell'individuo con i frame estratti dalle riprese video ha fornito un riscontro positivo. Il giovane (I.S. kosovaro del 2000) è stato perciò denunciato all'Autorità Giudiziaria per deturpamento ed imbrattamento di cose altrui.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

  • Minorenne picchiato da un 'ambulante': il racconto della vittima

Torna su
TriestePrima è in caricamento