Cronaca Via San Giacomo in Monte

Writer sorpreso dalla Polizia Locale, si giustifica: «Volevo testare i pennarelli»

10.10 - Il ragazzo, e due suoi amici, sono stati pizzicati da un vigile fuori servizio che ha avvertito i colleghi

foto di repertorio

Con dei pennarelli indelebili a punta grossa stava deturpando la pensilina della fermata bus in via San Giacomo in Monte: tre lettere stilizzate per una superficie di 50x50 cm. Un agente della Polizia Locale, fuori servizio, è passato lì vicino proprio mentre il ragazzo (M.D., 19enne triestino) era all'opera, osservato da due amici minorenni.

Proprio mentre l'operatore stava per avvicinarsi è arrivato il bus e i tre ragazzi sono saliti a bordo: A questo putno non retstava che avvertire i colleghi in servizio fornendo loro una dettagliata descrizione, in particolare del writer, riconoscibile, tra l'altro, da un berretto da baseball rosso.

La pattuglia incaricata ha così intercettato i tre in largo Pestalozzi: l'autore ha ammesso di aver scritto sulla pensilina giustificando il gesto con la necessità di testare i pennarelli nuovi. In passato era già stato fermato da altre forze dell'ordine per lo stesso motivo. M.D. è stato così denunciato all'Autorità giudiziaria per deturpamento e imbrattamento di cose altrui. Inoltre, dovrà risarcire Trieste Trasporti dei danni subiti con l'imbrattamento della pensilina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Writer sorpreso dalla Polizia Locale, si giustifica: «Volevo testare i pennarelli»

TriestePrima è in caricamento