menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza immigrazione, Ziberna (FI): «Necessari rinforzi dal Governo per controllo del territorio»

Il vicepresidente di Forza Italia Ziberna sottolinea la necessità urgente e l'importanza di aumentare le azioni di pattugliamento sui confini e gli obiettivi sensibili. Le forze dell'ordine sono impegnate sul fronte del controllo immigrazione e non c'è personale militare a sufficienza per la sicurezza dei confini e il controllo dei flussi immigratori

«Forza Italia e il centrodestra avevano da tempo proposto alla Giunta Serracchiani, prima con interrogazione e poi con una mozione consiliare di cui sono stato il primo firmatario, di chiedere al governo nazionale l'uso dell'esercito nelle azioni di pattugliamento e controllo del confine nordorientale e di presidio dei siti sensibili (porto, aeroporto, stazioni ferroviarie, consolati, grandi eventi) al fine di rafforzare il controllo e liberare da questi adempimenti parte delle forze dell'ordine oggi assorbite dagli adempimenti legati al continuo passaggio di profughi. Ciò consentirebbe ad esse di dedicarsi alla prevenzione dei reati, a indagini e intelligence».

A ricordarlo è il vicepresidente del Gruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, Rodolfo Ziberna, il quale inoltre ricorda: «La risposta della Giunta Serracchiani è stata una chiusura netta dimostrando che a questa giunta preme non disturbare il governo nazionale e non certo tutelare gli interessi del Friuli Venezia Giulia anche in un ambito dove la nostra popolazione si sente comprensibilmente preoccupata per quanto sta accadendo a causa del progressivo venir meno del controllo del territorio». «Il Governo Renzi, invece - evidenzia Ziberna -, ha deciso di destinare al Friuli Venezia Giulia un centinaio di militari per operazioni di pattugliamento».

Per il consigliere forzista il Governo nazionale, accogliendo le proposte della minoranza, ha smentito l'esecutivo su un argomento importante come quello della sicurezza, e per questo la Giunta regionale dovrebbe rassegnare immediatamente le dimissioni. «Vedremo il grado di affidabilità e coerenza della Giunta Serracchiani» - afferma Ziberna sottolineando parallelamente che inviare in Friuli Venezia Giulia solo cento militari significa non inviare alcun operatore in più perché cento sono gli operatori delle forze dell'ordine che vanno in pensione complessivamente nel 2015. «Insomma, anziché aumentare l'organico il numero di operatori rimarrà il medesimo. Cento militari saranno in grado, infatti, di presidiare una dozzina di siti sensibili. Ci auguriamo - conclude Ziberna - che il Governo nazionale assuma consapevolezza di ciò e che provveda ad inviare i cinquecento militari che ci attendiamo, in modo che finalmente carabinieri e polizia possano ritornare a fare il loro mestiere».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    La zona gialla torna dal 26 aprile: ristoranti aperti anche la sera

  • Cronaca

    Operatori sanitari in piazza contro l'obbligo vaccinale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento