Zig-zag in via Flavia, fermato dalla Polizia locale ubriaco alla guida: nei guai un 34enne

Per l'uomo una multa salata, ma anche il processo penale con l'arresto da 1 a 2 anni; auto confiscata

«Guidare in stato di ebbrezza è vietato e punito severamente in ogni Paese; anche se i valori-limite dell'alcolemia possono differire leggermente a seconda dello Stato, gli effetti negativi dell'alcol su percezione, attenzione e capacità sono universalmente noti: in Italia il tasso alcolemico massimo consentito è di 0,5 g/l. Per questo motivo - spiega una nota stampa - la Polizia locale è impegnata quotidianamente sul territorio per prevenire questo comportamento, causa di lutti, invalidità e altissimi costi sociali».

«Ieri sera tragedia sventata in via Flavia, grazie all'intervento di una pattuglia notturna della Polizia locale davanti alla quale è passata una Fiat Panda zigzagando sulla carreggiata: gli agenti hanno raggiunto l'autovettura e, in tutta sicurezza, sono riusciti a fermare il conducente».

L'uomo, C.R.S. di 34 anni, è stato sottoposto per due volte alla prova dell'etilometro - come prevede la legge - registrando un tasso alcolico di 1,93 g/l, prima e di 1,88 di g/l, poi. Quasi 4 volte il limite consentito. Il Codice della Strada - con l'intento di scoraggiare una condotta così sconsiderata - punisce con severità chi supera il limite di 1,5 g/l di alcol nel sangue: è prevista infatti un'ammenda da 1500 a 6000 euro e l'arresto da 6 mesi a un anno, oltre alla sospensione della patente da 1 a 2 anni, 10 punti in meno ed il sequestro del veicolo che verrà confiscato e mai più restituito al proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Benzina in Slovenia: da oggi costa ancora meno

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Studi legali migliori d'Italia, due triestini nella classifica di Forbes

Torna su
TriestePrima è in caricamento