menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zilli (LN): «Il disagio tra gli adolescenti deve essere tenuto sotto controllo»

Spaccio di droghe e disagi sociali in aumento tra i giovanissimi. La consigliera Zilli chiede alla Regione campagne di sensibilizzazione per arginare il problema: «Anche le istituzioni devono fare la loro parte, non abbassando la guardia e rafforzando controlli preventivi. Il problema relativo allo spaccio sta diventando purtroppo una costante»

«Il perseverante disagio che caratterizza un gran numero di minori, per lo più adolescenti, anche nella nostra Regione, è un problema con cui dobbiamo drammaticamente fare i conti: non possiamo fare finta di non vedere». A dirlo la consigliera regionale della Lega Nord Barbara Zilli, dopo la notizia di un'operazione contro lo spaccio avvenuta a Tolmezzo. «Siamo di fronte all'ennesimo episodio di cronaca che riguarda situazioni di questo tipo e che, purtroppo sempre più spesso coinvolge minori. Siamo davanti ad un territorio abbandonato, che crea terreno fertile per attività di questo tipo. Un plauso va sicuramente ai Carabinieri che, nonostante i problemi di organico, riescono a mettere a segno obiettivi come questo».

«La prevenzione è assolutamente imprescindibile in questi casi e deve iniziare in famiglia, passando per la scuola e le istituzioni. Il disagio che purtroppo serpeggia tra gli adolescenti deve essere tenuto sotto controllo e anche le istituzioni devono fare la loro parte, non abbassando la guardia e rafforzando controlli preventivi. È opportuno e necessario, quindi - ribadisce la consigliera - che anche la Regione faccia la sua parte e una riflessione approfondita, insieme agli insegnanti, ai genitori e alle forze dell'ordine poichè il problema relativo allo spaccio sta diventando purtroppo una costante».

«Abbiamo più volte interrogato l'assessore competente senza avere alcuna risposta» continua Zilli. Solleciteremo ancora la Giunta ad effettuare campagne di prevenzione per evitare che situazioni di questo tipo si verifichino ancora. Altro che campagne contro il bullismo omofobico, la cronaca e i fatti di tutti i giorni ci dicono che è quella dello spaccio una vera emergenza sul nostro territorio. «Chiederemo alla Regione - conclude Zilli - che si attivi per mettere in campo tutte le forze possibili in modo da incentivare i controlli in questo senso e per sviluppare adeguate e puntuali campagne informative che facciano prevenzione affinchè gli adolescenti possano trovare dei punti di riferimento per non cadere in situazioni poco adatte alla loro età e potenzialmente pericolose per la loro salute ma anche per la loro vita sociale».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento