menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Domenica scatta l'ordinanza di Speranza: in Fvg prorogata la zona gialla

La nostra regione, come previsto anche dal governatore Massimiliano Fedriga, rimane nella fascia gialla. Nessun cambiamento rispetto alle ultime settimane

Il Friuli Venezia Giulia resta ancora zona gialla, almeno per un'altra settimana. Alla fine la conferma è arrivata direttamente grazie alla firma dell'ordinanza da parte del ministro della Salute Roberto Speranza che entrerà in vigore da domenica 21 febbraio. La nostra regione ha incassato il sì da Roma in virtù delle ultime valutazioni della cabina di regia e del Comitato tecnico scientifico sull'evoluzione dell'epidemia di coronavirus in Italia. 

L'elenco delle regioni

Assieme alla nostra regione compongono la lista della zona gialla anche Calabria, Basilicata, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d’Aosta e Veneto. Nessuna regione in zona rossa (anche se alcune ordinanze locali restrittive rimangono in vigore ad esempio a Perugia in Umbria) mentre in fascia arancione troviamo Abruzzo, Campania, Emilia-Romagna, Liguria, Molise, Toscana, provincia autonoma di Bolzano, provincia autonoma di Trento e proprio l'Umbria. 

Le regole

Rimane il coprifuoco dalle 22 alle 5, gli spostamenti nel territorio regionale sono consentiti senza autocertificazione (e fino al 25 febbraio rimangono vietati anche gli spostamenti fuori regione), i ristoranti, bar, trattorie, pizzerie, gelaterie e pasticcerie restano aperti al pubblico fino alle ore 18 e non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali. Supermercati e negozi al dettaglio di generi alimentari, librerie, cartolerie, tabacchi, ferramenta, negozi di abbigliamento per adulti e bambini, di informatica, articoli per la casa, l'igiene e il giardinaggio restano aperti mentre i centri commerciali chiudono nel weekend e nei festivi, ad eccezione di supermercati, farmacie e parafarmacie e tabacchi presenti al loro interno.

La lista delle aperture e gli invitati a casa

Aperti i saloni di parrucchiere, barbiere e centri estetici senza nessuna differenza. In zona gialla inoltre si può fare sport o semplice attività motoria (come le passeggiate a passo svelto) all'interno del territorio regionale e senza obbligo di autocertificazione. In zona gialla rimane il divieto di non avere più di due invitati a casa. Le visite in casa altrui sono ammesse una volta al giorno nella misura di due persone, al netto di figli minori di 14 anni e persone non autosufficienti/disabili con loro conviventi. In zona gialla l'autocertificazione serve soltanto per i viaggi interregionali e per uscire durante il coprifuoco per comprovati motivi di salute, lavoro o casi urgenti. Tutti gli altri spostamenti sono liberi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fondo Ambiente Italiano: eletto il luogo più bello d'Italia

social

'Enoteche d'Italia': la guida del Gambero Rosso premia anche Trieste

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Fedriga: "Situazione allarmante, non escludo nulla"

  • Cronaca

    Brutto infortunio sul lavoro, gravissimo monfalconese di 46 anni

  • Cronaca

    Evitarono il peggio: premiati quattro agenti della Polizia Locale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento