Economia

Civibank approva il progetto di bilancio 2020

Michela Del Piero, Presidente di CiviBank: "Ora possiamo dire di aver ampiamente centrato gli obiettivi che ci eravamo posti, ed essere pronti alla seconda fase: la crescita”

Il Consiglio di Amministrazione di CiviBank, unica banca regionale indipendente per il Nordest, ha approvato il progetto di bilancio 2020 e l’Aggiornamento del Piano Strategico per il prossimo triennio (2021-2023). “Dal 2016 abbiamo iniziato un percorso di consolidamento e riorganizzazione dell’istituto con grande attenzione, in particolare, alla riduzione dei livelli di crediti deteriorati e al sostegno ad imprese e famiglie: ora possiamo dire di aver ampiamente centrato gli obiettivi che ci eravamo posti, ed essere pronti alla seconda fase: la crescita” ha detto Michela Del Piero, Presidente di CiviBank. “Con la volontà di continuare ad essere la banca indipendente per il Nordest, approviamo oggi l’aggiornamento del Piano Strategico che proietta CiviBank ad occupare sempre più spazio nel sostegno all’economia reale laddove questa necessità è più sentita. Entro il 2021 apriremo nuove filiali in Veneto, ci spingeremo anche verso l’Emilia ed in Trentino, garantendo ai nostri clienti un approccio relazionale e di prossimità che rappresenta un valore aggiunto anche in questo momento di grande incertezza economica. Al contempo continuerà sia il processo di digitalizzazione dell’istituto, con l’obiettivo di affiancare anche grazie alla tecnologia ed in totale sicurezza i clienti, la comunità e tutti gli stakeholders che ripongono in noi la loro fiducia, sia l’individuazione di partnership di valore, specialmente nei settori bancassurance e wealth management. Il percorso di crescita individuato è certamente impegnativo e sfidante, ma è la scelta in grado di aumentare sostanzialmente il valore dell’azienda bancaria e di conseguenza ridare soddisfazione ai soci”.

Progetto di bilancio

Progetto di bilancio I principali indicatori del progetto di bilancio 2020 sono:
• crediti alla clientela pari a 2.978 milioni di euro (+5,1% rispetto al 2019), con 661 milioni di euro di nuovi finanziamenti erogati nell’anno a famiglie e imprese del territorio (+8,4% rispetto al 31 dicembre 2019) di cui 485 milioni alle imprese e 176 milioni alle famiglie.
• oltre 167 milioni di euro di finanziamenti assistiti da garanzie statali;
• 5.350 operazioni di finanziamento con moratoria, erogate per oltre 723 milioni di euro (149 milioni verso famiglie e 574 milioni verso piccole e medie imprese;
• crediti deteriorati in riduzione del -22,4% rispetto a dicembre 2019 con coverage ratio del 51,6%. Nel dettaglio: sofferenze nette a 46,9 milioni di euro (-32,4% rispetto a dicembre 2019); inadempienze probabili a 85,8 milioni di euro (-16,0%), esposizioni scadute e/o sconfinanti deteriorate a 11,2 milioni di euro (-19,0%);
• incidenza del credito deteriorato in forte calo (9,4% lordo, 4,9% netto)
• patrimonio netto a 291 milioni di euro (+2,2% rispetto a dicembre 2019);
• CET1 ratio al 15,0%, (13,6% al 31 dicembre 2019);
• utile netto a 6,8 milioni di euro (+148% rispetto ai 2,7 milioni di euro di fine 2019).
• margine di interesse a 63,7 milioni di euro (+5,3% rispetto al 31 dicembre 2019); • risultato netto dell’attività finanziaria a 11 milioni di euro (+4,8% rispetto a fine 2019); • costi operativi a 63,1 milioni di euro (contro i 65,2 milioni del 2019);
• contribuzioni al fondo di risoluzione per banche in crisi pari a 3,7 milioni di euro.

Piano strategico 2021-2023

Per quanto riguarda l’aggiornamento del Piano Strategico 2021-2023, si illustrano di seguito le linee guida:
• incremento degli impieghi per oltre 430 milioni nel triennio indirizzati specialmente nel sostegno alle PMI e alle famiglie, arrivando a 3,4 miliardi di impieghi totali nel 2023 (2,9 a fine 2020);
• consolidamento della presenza di CiviBank nelle aree del Friuli, del Veneto Orientale e di Trieste ed ampliamento dell’attività dell’istituto in Veneto (dove si prevede l'apertura di due nuove filiali nel 2021 a Padova e Montebelluna, successivamente a Verona), nonché in Trentino (Trento e Rovereto) ed in Emilia (Modena), dove è prevista l’apertura degli sportelli in arco piano;
• accelerazione nel credito agevolato in Friuli Venezia Giulia (es. FRIE, Fondo Sviluppo, Sabatini regionale etc.) consolidando la leadership già raggiunta;
• espansione nel settore Bancassurance (ramo vita e danni) attraverso selezionate partnership con società leader di mercato, anche tramite l’offerta di prodotti attraverso canali digitali;
• accelerazione della crescita nel settore del wealth management; • ampliamento dell’offerta nel credito al consumo e cessione del quinto, attraverso partnership con società leader, potenziando l’offerta grazie alla presenza nei canali digitali;
• rafforzamento patrimoniale che prevede un CET1 al 15,5% a fine 2023 (15,0% a fine 2020) e un Total Capital Ratio al 16,4%;
• forte crescita del ROE a fine 2023 fino al 4,0% (2,4% a fine 2020), con un utile netto atteso superiore a 14 milioni di euro.

Il piano strategico comprende inoltre un ulteriore sviluppo della strategia di derisking che prevede tra l’altro il raggiungimento, a fine 2023, di un NPL ratio lordo di circa l’8% (9,4% a fine 2020) e di un NPL ratio netto pari al 4,6% (4,9% a fine 2020).

Per quanto riguarda l’attività finanziaria, nel triennio il portafoglio di proprietà verrà ribilanciato a favore del Private Debt (strumenti di natura obbligazionaria, quali minibond – in particolare emessi da aziende locali - fondi di minibond, tranche di cartolarizzazioni), con meno enfasi al Portafoglio Core (contenente i titoli di Stato) e Satellite (finalità di trading).

L’aggiornamento del Piano Strategico 2021-2023 di CiviBank prevede inoltre lo sviluppo di un’organizzazione volta alla sostenibilità e favorita dalla trasformazione digitale, che permetta di rispondere alle esigenze operative contenendone i costi grazie a economie di scala e ulteriore riduzione della base dei costi. Particolare focus ed energie sono già indirizzati al progetto “Digital” che comprende, per citare solo alcune attività, il set-up del CRM su Web, il digital on-boarding della clientela, la consulenza in web-collaboration e la digitalizzazione del processo di istruttoria crediti.

Dichiarazione del Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari Il Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Gabriele Rosin, dichiara ai sensi del comma 2 articolo 154 bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato stampa price sensitive (redatto ai sensi dell’art. 109 “Regolamento Emittenti” di cui alla delibera Consob n. 11971/99 e dell’art. 114 del T.U.F.) corrisponde alle risultanze documentali, ai libri ed alle scritture contabili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Civibank approva il progetto di bilancio 2020

TriestePrima è in caricamento