Mercoledì, 22 Settembre 2021
Economia

Carta Famiglia: Contributi tra 160 e 600 Euro

Oscillano tra un minimo di 160 e un massimo di 600 euro i contributi previsti dalla Carta Famiglia, finalizzati a ridurre il costo delle bollette dell'energia elettrica, sostenute lo scorso anno dai nuclei familiari con almeno un figlio a carico...

Oscillano tra un minimo di 160 e un massimo di 600 euro i contributi previsti dalla Carta Famiglia, finalizzati a ridurre il costo delle bollette dell'energia elettrica, sostenute lo scorso anno dai nuclei familiari con almeno un figlio a carico.

Gli importi effettivi del beneficio sono stabiliti da una delibera approvata oggi dalla Giunta regionale, su proposta dell'assessore alla famiglia Roberto Molinaro. Il bonus energia - reso possibile da un impegno finanziario della Regione di 10,5 milioni di euro - è riservato alle famiglie con Isee inferiore a
30 mila euro annui, con la clausola che almeno uno dei genitori risieda in Friuli Venezia Giulia da almeno 24 mesi. Il contributo, oltre che al numero di figli è rapportato anche agli scaglioni di consumo e sarà erogato tramite i Comuni.
"Con la fissazione degli importi definitivi, Carta Famiglia si conferma il principale strumento regionale a sostegno delle famiglie con figli a carico", commenta l'assessore Molinaro, evidenziando che "continua a crescere il numero dei beneficiari, passati dai 25.464 del 2008 ai 41.461 del 2011, con un incremento del 19 per cento circa rispetto all'anno precedente".

L'assessore ricorda poi che "il bonus legato a Carta Famiglia abbatte del 55 per cento i costi relativi all'energia elettrica consumata nell'anno precedente, rappresentando un concreto beneficio per i nuclei familiari in un periodo di difficoltà economiche".

Un sostegno, dunque, che risulta particolarmente apprezzato ed utile. E proprio per questa ragione "appare ormai indispensabile una progressiva diversificazione degli interventi, che sarà prevista nel Piano regionale per la Famiglia, in corso di
approvazione: si sta lavorando infatti - precisa l'assessore Molinaro - per far sì che Carta Famiglia possa essere utilizzata anche per accedere all'acquisto di beni e servizi a prezzi agevolati, con sconti assicurati dai venditori e quindi senza impegno di risorse finanziarie pubbliche. In agenda, inoltre, la modifica delle modalità di calcolo dell'ISEE e la determinazione dei nuovi limiti di reddito per ottenere Carta Famiglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carta Famiglia: Contributi tra 160 e 600 Euro

TriestePrima è in caricamento