Economia

Crédit Agricole chiude il 2020 con un utile di 737 milioni

In Friuli Venezia Giulia e Veneto si profila una crescita record delle erogazioni di Crédit Agricole FriulAdria a famiglie e imprese del territorio, per un importo complessivo che sfiora il miliardo e mezzo di euro

Giampiero Maioli, Responsabile del Crédit Agricole in Italia

Il Gruppo Crédit Agricole in Italia a fine 2020 ha fatto registrare un risultato netto aggregato di 737 milioni di euro (-13% a/a), di cui 571 milioni di euro di pertinenza del Gruppo Crédit Agricole. L’andamento è influenzato da accantonamenti prudenziali a fronte della crisi Covid-19. L’attività commerciale si conferma dinamica, con una crescita del Totale dei Finanziamenti all’economia che sale a 77,6 miliardi di euro (+2% rispetto al 2019) e una Raccolta Totale1 che aumenta a 270 miliardi di euro (+3% a/a). Il Crédit Agricole è presente in Italia, suo secondo mercato domestico, con 14 mila collaboratori e circa 4,6 milioni di clienti grazie ad un Gruppo composto, oltre che dal Gruppo Bancario Crédit Agricole Italia, anche dalle società di Corporate e Investment Banking (CACIB), Servizi Finanziari Specializzati (Agos, FCA Bank), Leasing e Factoring (Crédit Agricole Leasing e Crédit Agricole Eurofactor), Asset Management e Asset Services (Amundi, CACEIS), Assicurazioni (Crédit Agricole Vita, Crédit Agricole Assicurazioni, Crédit Agricole Creditor Insurance) e Wealth Management (CA Indosuez Wealth Italy e CA Indosuez Fiduciaria). La stretta collaborazione tra le società operanti nelle diverse aree di business, garantisce al Crédit Agricole di operare nella penisola con un’offerta ampia ed integrata, a beneficio dei propri clienti e di tutti gli attori economici.

Friuli Venezia Giulia

In Friuli Venezia Giulia e Veneto si profila una crescita record delle erogazioni di Crédit Agricole FriulAdria a famiglie e imprese del territorio, per un importo complessivo che sfiora il miliardo e mezzo di euro. Il progetto di bilancio 2020 di Crédit Agricole FriulAdria verrà reso noto dopo l’approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione della Banca che si riunirà a Pordenone giovedì 11 marzo.

I risultati al 31 dicembre

Utile netto pari a 206 milioni (ante svalutazione dell’avviamento); escludendo anche i contributi sistemici e gli oneri straordinari sostenuti per l’emergenza Covid-19, il risultato sarebbe pari a 264 milioni.

Rilancio dell’attività commerciale, tornata ai livelli pre-crisi, con il quarto trimestre dell’anno che ha segnato un record di produzione: prestiti per 1 Considerando anche gli asset under management e l’attività di banca depositaria acquisto abitazioni +9,0% T4/T4 e volumi di collocamento prodotti legati al wealth management in aumento del +9,0% T4/T4.

Significativo sviluppo delle masse: incremento dei finanziamenti a famiglie e imprese (+7,6% a/a), espansione della raccolta diretta clientela (+10,6% a/a) e del risparmio gestito (+5,0% a/a).

Indice di Raccomandazione del Cliente: +8 punti nel 2020, che posiziona il Gruppo CA Italia al 2° posto per soddisfazione tra le banche universali in Italia.

Progressiva ripresa della redditività: il quarto trimestre 2020 registra il livello di ricavi più elevato da inizio anno, in crescita rispetto all’anno precedente (+0,6% T4/T4).

Costante attenzione alla qualità del credito: in miglioramento l’NPE ratio netto a 2,96% (vs 3,5% a dic-19) con riduzione dello stock di NPL lordi pari al -12,3% da inizio anno, grazie anche alle cessioni di crediti deteriorati per oltre 500 milioni, concentrate prevalentemente nel quarto trimestre.

Elevato livello di liquidità con LCR (242%) pari ad oltre il doppio dei requisiti regolamentari e solida posizione patrimoniale con un CET 1 Ratio pari a 14,0% e Total Capital Ratio al 19,7%.

Lanciata Offerta Pubblica di Acquisto volontaria con corrispettivo in denaro sulla totalità delle azioni del Credito Valtellinese S.p.A., che consoliderà la posizione competitiva del Gruppo in Italia.

Raggiunto l’80% di colleghi abilitati allo smart working.

Grande attenzione alla formazione delle persone: erogate nel 2020 oltre 500 mila ore di formazione online, grazie a più di 600 corsi e 50 aree tematiche, in grado di creare percorsi formativi personalizzati.

È stato inaugurato Le Village by CA Parma, che si affianca a quello di Milano: già presenti 29 startup, 14 abilitatori e 17 partners, tra cui le principali aziende e istituzioni dell’Emilia-Romagna.

Confermato e ulteriormente rafforzato l’impegno nel sociale: il valore d’insieme delle attività del Gruppo in Italia è stato pari a più di 3 milioni di euro. Tra le iniziative più importanti la raccolta da 1,5 milioni di euro a favore della Croce Rossa Italiana e l’acquisto di 82 macchine per la ventilazione assistita per i numerosi ospedali del territorio durante la fase critica dell’emergenza.

Il portale di crowdfunding, CrowdForLife, ha festeggiato nel 2020 il primo anno di attività con una raccolta pari a circa 1,7 milioni di euro. Lanciata Crédit Agricole for Future, iniziativa a scopo sociale estesa ad associazioni ed enti, oltre che a tutto il Gruppo Crédit Agricole in Italia, per sostenere progetti relativi a educazione, inclusione e riduzione delle diseguaglianze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crédit Agricole chiude il 2020 con un utile di 737 milioni

TriestePrima è in caricamento