menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Economia, Russo (Ires Fvg): «Ripresa trainata dal terziario: +11.300 occupati in tre anni»

Negli anni della crisi, dal 2008 al 2016, il peso del settore tra gli occupati del Fvg è cresciuto dal 64% al 67%

La ripresa dell’occupazione? Trainata dal terziario, con una crescita pari a 11.300 occupati tra 2013 e 2016 che ha compensato i risultati negativi di industria ed edilizia. Lo ha evidenziato Alessandro Russo, ricercatore dell’Ires Fvg, in occasione del convegno “I nuovi ammortizzatori sociali e il fondo di integrazione salariale del terziario” promosso da Ebiter Fvg, ente bilaterale commercio, turismo e servizi, a Villa Manin.

Il convegno ha visto i saluti dei vertici dell’Ente Bilaterale Terziario (il presidente nazionale Marco Marroni, il vice Renato Salvadori, il presidente regionale Antonio Dalla Mora e il vicepresidente Romildo Scala), quindi gli interventi, con Russo, di Daniele Serio di Format Research (Ires e Format contribuiscono a un Osservatorio trimestrale di settore curato da Ebiter), di Guido Lazzarelli di Confcommercio e Gabriele Fiorino di Uiltucs-Uil sul Fondo di integrazione salariale, di Luciana Criaco di Agi Avvocati sulla nuova disciplina degli ammortizzatori sociali e di Michelino De Carlo, Inps Udine, pure lui sul Fondo di integrazione.

Nel corso degli interventi è stato fatto un percorso sulla riforma degli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro, partendo dalle integrazioni salariali esistenti prima della riforma del 2015 (dlgs. 148) e arrivando ai giorni nostri con il Fondo di integrazione salariale.

Negli anni della crisi il peso dell’occupazione nei servizi, è poi emerso dall’indagine Ires, è passato in regione dal 64% del 2008 al 67% del 2016. Inoltre la componente femminile è cresciuta di più rispetto a quella maschile e si assiste a una continua espansione dei rapporti di lavoro part time, non solo per le donne ma anche per gli uomini. Sul tavolo anche i dati sui voucher, con le categorie di Confcommercio sempre protagoniste. Nel 2016 i prestatori di lavoro accessorio nel terziario regionale sono stati 27.300 su 63.000 (ossia il 43,5%).

Secondo il questionario raccolto da Format, il 61% delle imprese del terziario Fvg (in prevalenza del commercio e del turismo) dichiara di aver fatto ricorso allo strumento del voucher almeno una volta in passato e oltre il 72% degli operatori riconosce l’utilità dei voucher come strumento «per contrastare il ricorso al lavoro nero». La lettura congiunta porta alla conclusione che esiste un 23% di operatori del terziario che, pur riconoscendo il ruolo del voucher come strumento di contrasto al lavoro nero, ne ammette il contributo alla precarizzazione del lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Torta rustica di polenta e verdure: la ricetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento