rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Economia Cologna - San Giovanni

Euronics rischia chiusura: 21 dipendenti appesi a un filo

Il negozio Euronics a “Il Giulia” potrebbe chiudere il 31 luglio. Per i dipendenti si profila lo spettro del licenziamento collettivo se sindacati e proprietà non troveranno un accordo nelle prossime settimane.

Il negozio Euronics al centro commerciale “Il Giulia” rischia di chiudere il 31 luglio. I dipendenti Euronics potrebbero rimanere disoccupati se nelle prossime settimane la proprietà e i sindacati non troveranno un accordo.

Il contratto

I dipendenti del punto vendita lavorano già da 3 anni con un contratto di solidarietà e sembra che la crisi finanziaria sia senza fine. L’attività è di proprietà del gruppo Galimberti che ha sede a Milano – che è anche uno dei soci di Euronics Italia. La sorte dei 21 dipendenti di Euronics sembra essere segnata. Il 30 giugno sono infatti scaduti i termini del contratto di solidarietà e se non si riuscirà a trovare una soluzione lo spettro del licenziamento collettivo potrà diventare realtà.

Il problema

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è da ricercarsi nel mancato rinnovo del contratto di locazione con la proprietà de “Il Giulia”, di cui l’imprenditore Piero Coin è titolare. La proprietà del centro commerciale ha incontrato i vertici milanesi ma nessun accordo sembra essere stato raggiunto.  

Il Ministero del Lavoro

La crisi de gruppo riguarda anche altri punti vendita su tutto il territorio nazionale tanto che i sindacati hanno fatto arrivare la questione fino al tavolo del Ministero del Lavoro.

La speranza 

“Il Giulia” da tempo sta affrontando una crisi che sembra non arrestarsi. Senza un accordo, un altro importante tassello del comparto commerciale triestino potrebbe svanire. A meno che la proprietà del centro commerciale non recuperi il personale di Euronics. Nei prossimi giorni i sindacati avanzeranno una richiesta d’incontro a Piero Coin.         

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Euronics rischia chiusura: 21 dipendenti appesi a un filo

TriestePrima è in caricamento