Economia

Giovani Imprenditori Confapi FVG: «La ripresa economica passa per l'ottimismo»

I Giovani imprenditori dell'Associazione Piccole e Medie Industrie del Friuli Venezia Giulia hanno inteso dare un segnale di fiducia e di ripresa

Davanti a una folta e attenta platea, Tommaso Passoni, Presidente del Gruppo Giovani Imprenditori dell’Associazione ha aperto e moderato i lavori. Nell’introdurli ha tenuto ad affermare come da una situazione di crisi sia difficile uscire senza fiducia nella propria impresa e ottimismo sul suo futuro, fondato sull'esperienza, passione e impulso delle idee. In questo i non pochi esempi, portati da quanti si sono succeduti sul palco, ne hanno fornito una tangibile testimonianza.

Fabio Dossena dell’Aliante Business Solution srl ha rappresentato il caso di successo mondiale di una piccola start up, in cui è stato decisivo il valore aggiunto espresso da un giovane imprenditore calabrese. Luca Ceccarelli del Gruppo Ceccarelli spa ha rappresentato i risultati raggiunti dal Lean Thinking (il “pensare snello”), di origine giapponese, come modello organizzativo aziendale ai fini della formazione di una nuova cultura che coinvolge e responsabilizza tutti gli attori presenti in azienda. Dino Orioli della Pratic spa ha raccontato, anche attraverso un video autoprodotto, come creatività, tecnologia, innovazione, soluzioni funzionali e design possano fra loro integrarsi realizzando e sviluppando un’idea di grande successo. Massimo Calzavara della Calzavara spa ha testimoniato la centralità della ricerca e sviluppo quale elemento propulsore di tutta l’attività dell’impresa anche in quei rami, come quello commerciale, apparentemente distinti dal prodotto e dal processo produttivo. Giorgia Carlig, architetto instagramer, ha raccontato la propria esperienza di come dalle nuove frontiere dell’informatica, ma anche da una passione, si possano generare professioni del tutto nuovo e ricche di soddisfazioni.

Nel commentare i diversi contributi Passoni ha tenuto a evidenziare come gli itinerari di successo per le imprese non siano necessariamente identici. Li unisce, però, un tratto comune che risiede nella consapevolezza degli imprenditori e dei loro collaboratori delle capacità e potenzialità presenti all’interno delle imprese e della necessità di tradurle in valore. Tali potenzialità sono presenti in quasi tutte le imprese, ma spesso di esse non si ha contezza e restano, quindi, inespresse. La finalità ultima del convegno - ha concluso Passoni - è proprio quella di sollecitare una tale scoperta e di vincere ogni rassegnazione e fatalismo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giovani Imprenditori Confapi FVG: «La ripresa economica passa per l'ottimismo»

TriestePrima è in caricamento