Lo stop

Interrotte le trattative tra Wartsila e i sindacati

Per Fim, Fiom e Film "la multinazionale non favorisce il negoziato, mantiene le distanze e non consente la chiusura dell’accordo 2023". I sindacati, inoltre, hanno richiesto a Wartsila di non procedere, dopo il 30 giugno, con iniziative unilaterali e di prorogare almeno per il mese di luglio il contratto di solidarietà

ROMA - Interrotte le trattative tra la Wartsila e i sindacati. Il confronto. Nella prima parte dell'incontro ltra organizzazioni sindacali, Rsu e la multinazionale Wartsila la direzione aziendale ha illustrato le linee guida del piano industriale per il service e la ricerca e sviluppo per il periodo 2024-2027. "Le organizzazioni sindacali - così la nota congiunta di Fim, Fiom e Film nazionali - anche al fine di poter esprimere un giudizio compiuto, hanno richiesto all’azienda un documento di dettaglio del piano su investimenti, organici, carichi di lavoro e sostenibilità finanziaria che impegni la multinazionale alla continuità delle attività in tutti i siti italiani del gruppo con la salvaguardia dell’occupazione, dichiarata in 800 dipendenti, per almeno l’intera durata del piano". Nella seconda parte dell’incontro Wartsila ha rappresentato il valore degli incentivi da erogare ai lavoratori che saranno trasferiti da Wartsila ad Msc nell’ambito del processo di reindustrializzazione del sito triestino. Una proposta, quella della multinazionale, che come affermato nella nota congiunta "non risponde alle richieste sindacali e alle aspettative dei lavoratori, una posizione che per responsabilità di Wartsila non ha consentito di avanzare nella trattativa". Le organizzazioni sindacali hanno richiesto a Wartsila di non procedere, dopo il 30 giugno, con iniziative unilaterali con l’apertura della procedura 234/21 e dei licenziamenti, prorogando almeno per il mese di luglio il contratto di solidarietà. "La delegazione sindacale - così in conclusione la nota - è impegnata ai tavoli di trattativa nel costruire le condizioni che permettano di definire un accordo che dia prospettve di continuità occupazionale sia ai futuri dipendenti di Mac che di Wartsila nei tempi stabiliti dal Governo all'interno del percorso per l'accordo di programma. Mimit e Regione Friuli Venezia Giulia richiamino tutte le parti coinvolte a essere altrettanto conseguenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interrotte le trattative tra Wartsila e i sindacati
TriestePrima è in caricamento