TriestePrima

Hockey inline, l'Edera Trieste è in serie A

Vittoria dell'Edera Trieste sui Tigers Coralimpianti Tergeste, onore agli avversari.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

Sono le 20,30 di sabato 15 maggio quando i signori Lottaroli e Slaviero fischiano l’inizio di gara 3 delle finali promozione in serie A. Di fronte due team triestini che hanno guidato la classifica per tutta la regular season ovvero Edera Trieste Vs Tigers Coralimpianti. Si tratta del terzo match dopo una vittoria a testa, ovvero “la bella” che assegna al vincitore, oltre a coppa e medaglie, il premio più ambito: il passaggio nella massima serie. Apre le danze al terzo minuto il folletto Zerdin che infila Gallessi su assist di Fumagalli. I Tigers, come da pronostico, non ci stanno, ma ci mettono 13 minuti per rimontare lo svantaggio e portarsi sull’1 a 1 con Mariotto assistito da Cavalieri. Il secondo tempo inizia con la tensione alle stelle, quando al terzo minuto di gioco è ancora Zerdin su assist dello stesso Fumagalli a portare in vantaggio l’Edera. Si vede un gioco frizzante e veloce, a 13 minuti dalla fine del match è ancora l’Edera a segnare con uno strepitoso Sindici su assist di capitan Cocozza ed è 3 a 1. Dopo 3 minuti l’Edera si ripresenta da Gallessi, che ha parato di tutto, ancora con Sindici che va a segno su azione solitaria in contropiede.

Ancora al dodicesimo di gioco l’Edera penetra la gabbia di Gallessi con Zerdin assistito da Cocozza per il temporaneo 5 a 1. Mancano circa 4 minuti alla fine del match, quando Mariotto riesce ad accorciare le distanze, con capitan Fabietti assistito da Mariotto per il definitivo 5 a 2. Non bastano ai Tigers due penalità, inflitte ad altrettanti giocatori dell’Edera e neanche il quinto giocatore di movimento al posto del portiere, per recuperare il risultato che promuove l'Edera Trieste in serie A dopo 2 campionati praticamente perfetti. E’ festa grande fra gli ederini che vengono premiati dagli organi federali e stappano una bottiglia di rito, mentre i Tigers, sconfitti applaudono i cugini con incomiabile fair play. Difficilmente si è visto un match più corretto con 5 falli in tutta la partita di cui 2 negli ultimi 3 minuti di gioco. Correttezza anche a fine match con i due team che si abbracciano e si scambiano i complimenti e mister Florean da Servola Trieste torna da allenatore in serie A, che nel decennio passato gli aveva regalato la gioia dello scudetto, prima che l’Edera ripartisse da zero, lavorando sulle giovanili da cui vengono questi giocatori cresciuti nell’impianto di via Boegan.

I tre moschettieri, come ama chiamarli Florean, sono Cocozza, Nicolò Degano e Sindici, dei fenomeni che insieme agli ottimi Pazzaglia, Fumagalli, Zerdin, Simsic e Jacopo Degano hanno costruito questa vittoria sui Tigers. Importantissimo anche l’apporto di Berquier, Del Piano e Ovsec che pur giocando poco hanno contribuito in maniera importante a questa storica vittoria che consegna il team alla serie A. Immenso il golie dell’Edera Biason che para e respinge 26 slap degli avversari, non perdendo mai la concentrazione per tutti i 40 minuti di gara. “Onore ai nostri avversari, ma contro l'Edera così concentrata non ce n'è. Adesso ancora silenzio e lavorare per i roller games e la Coppa Italia, dove giocheremo con relax, mentre intanto prepariamo il roster per la prossima stagione. Complimenti a Mc Adams che ha saputo dare ordine alla sua squadra, ma la storia appartiene a chi vince!” Dichiarazione a freddo di Roberto Florean Coach e presidente di Edera Trieste. Addetto stampa Massimiliano Cocozza. Aggiornamenti e live score su https://hockeyinline.fisr.it/

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Hockey inline, l'Edera Trieste è in serie A

TriestePrima è in caricamento