Domenica, 24 Ottobre 2021
Eventi

Venerdi' 23 settembre. Notte dei Ricercatori: il Programma

IL PROGRAMMA DELLA NOTTE DEI RICERCATORI 2011EXPLORANDO: PER VIVERE LA SCIENZA - PIAZZA UNITA'Dalle 10 alle 23, sono aperte a tutti le attività in programma negli stand degli enti partecipanti alla Notte dei Ricercatori in Piazza Unità d'Italia...

IL PROGRAMMA DELLA NOTTE DEI RICERCATORI 2011

EXPLORANDO: PER VIVERE LA SCIENZA - PIAZZA UNITA'
Dalle 10 alle 23, sono aperte a tutti le attività in programma negli stand degli enti partecipanti alla Notte dei Ricercatori in Piazza Unità d'Italia: laboratori e incontri per parlare di scienza e scoprire il fascino nascosto nell'attività di ricerca, nonché occasione per conoscere i volti e le esperienze dei tanti ricercatori che arrivano a Trieste da tutto il mondo.
Sostenibilità energetica e innovazione tecnologica è l'attività che presenta presso il proprio stand AREA Science Park, illustrando in particolare "Enerplan", piano che promuove l'utilizzo di fonti di energia rinnovabili e alternative, mentre Energia per il corpo, dalla genetica al cibo è il titolo delle proposte interattive nello stand del CBM, dedicate a genetica, gusto, alimentazione, longevità e qualità della vita.

I "Ricercatori fuori dal Comune" dei Civici Musei Scientifici di Trieste illustrano, presso lo stand del Comune, EnergeticAmbiente - L'energia della natura, ovvero il risparmio energetico che si può ottenere dal compostaggio, dalla buona irrigazione e dall'agricoltura sostenibile.
Ai biologi dell'ICGEB il compito di illustrare attraverso un test colorimetrico (che si terrà alle 14.00, alle 15.00 e alle 16.00) la Capacità degradativa del legno e, nell'attività Comunità microbiche e degradazione delle biomasse, il ruolo di alcune comunità di batteri per convertire biomasse in un'alimentazione utilizzabile per la fermentazione.
Insieme ai ricercatori dell'ICTP si potrà viaggiare Dal Cosmo alla Terra, per scoprire come l'astrofisica può spiegare il nostro passato, il presente, il futuro e addirittura la nostra stessa esistenza, dalla dinamica dei terremoti alla nascita delle galassie, dalla conversione dell'energia del sole in elettricità al funzionamento delle tecnologie wireless.
La scienza in piazza vede l'entrata in campo anche dei ricercatori della SISSA: matematici, fisici e neuroscienziati illustrano le varie forme in cui l'energia esiste e si trasforma, attraverso postazioni multimediali, simulazioni di esperimenti e quiz, alla portata di adulti e bambini.
Piene di energia sono le ricette proposte dagli chef-ricercatori del Sincrotrone con Energia in cucina: uno spunto pratico e divertente per parlare della produzione di dispositivi elettronici a basso costo, come celle fotovoltaiche ma anche led e transistor.
È Energia in gioco allo stand dell'Immaginario Scientifico, con esperimenti, postazioni interattive e una suggestiva multivisione che consentono di esplorare la fisica delle trasformazioni energetiche e dei più comuni fenomeni naturali.
Si chiama Energeticamente, ed è organizzato nella Sala del Torchio di via dei Capitelli 8 da ARPA-LaREA, a partire dalle 16.00 e fino alle 19.00, il percorso per osservare e comprendere fenomeni naturali e fisici, riflettere su come si possono ridurre gli sprechi e migliorare l'efficienza energetica, con exhibit interattivi, ma non solo.
Spazio al fotovoltaico con l'OGS.
In Tetti solari. Il fotovoltaico all'OGS non solo si dimostra al pubblico come si produce energia elettrica sfruttando l'energia solare, ma vengono utilizzati i pannelli solari per illuminare lo stand durante la serata. Nello stand spazio anche alla ricerca con Ceppi algali per biodiesel, gas idrati, stoccaggio
anidride carbonica.
Protagonisti della nostra energia: di questo si occupano fino alle 19.00 i laboratori sulle energie rinnovabili legate al Sole, con pannelli fotovoltaici che alimentano apparati elettrici e giochi per bambini, nello stand della Provincia di Trieste.
Novità di questa edizione è la presenza di uno stand dedicato allo sport, curato da ICTP e SISSA: in Sport Energy saranno scienziati, ricercatori e pubblico a produrre energia tramite il movimento: pedalando su una cyclette, remando su un vogatore o attraverso prove divertenti di forza, agilità e resistenza. Simpatiche e improbabili sfide sono previste tra personalità conosciute cittadine, con una premiazione in serata per coloro che hanno prodotto più energia durante le gare.
Particelle di alta energia e misteri della natura sono invece i grandi temi da conoscere e approfondire partecipando alle attività organizzate dalla sezione di Trieste dell'INFN, prendendo spunto dalla ricorrenza di due centenari, quello della scoperta dei raggi cosmici da parte di D. Pacini e quella della studio dell'atomo da parte di E. Rutheford, nonché dai risultati recenti degli esperimenti di fisica delle particelle di alta energia.
Ricco di attività infine lo stand dell'Università di Trieste, con le dimostrazioni sulla Produzione di energia da fonti rinnovabili, e sull'utilizzo delle biomasse, Combustibili solari, con attività laboratoriali sulla produzione di idrogeno da fonti rinnovabili.
Dalle 15.00 alle 22.00 i curiosi laboratori su Interazione cervello-computer dal vivo permetteranno al pubblico di spostare oggetti, comporre frasi o dipingere su uno schermo con la sola forza del pensiero,
Dalle 16.00 iniziano invece le attività sperimentali Energia dal Sole: non solo elettricità..., incentrate sul solare termico, sull'accumulo e la produzione elettrochimica di energia elettrica.
Durante la giornata infine, la proiezione del video E3 PARK - Parco delle energie rinnovabili, fornirà esempi di fonti alternative di energia, illustrando al pubblico alcune tematiche legate alla questione ambientale.

CONVERSAZIONI SCIENTIFICHE
Astronomia, fisica nucleare, sismologia, genetica e molte altre discipline al centro delle numerose conservazioni scientifiche in programma alla Notte dei Ricercatori di Trieste. Tre le location che ospitano gli incontri: la Sala Maggiore della Camera di Commercio in Piazza Borsa, lo Stand Incontri in Piazza Unità
d'Italia e Piazza della Borsa.
Camera di Commercio
Il programma in Camera di Commercio comincia alle 15.00 con Le filiere dell'energia, tavola rotonda dedicata al solare organizzata dalla FIT. Oltre a rappresentanti di diversi Istituti Universitari e del CNR, quali i professori Stefano Fantoni, Renzo Rosei, Maurizio Fermeglia e Giacobbe Braccio, parteciperanno al dibattito, moderato dal giornalista Fabio Pagan, esperti dell'Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA).
A seguire, sempre nella Sala Maggiore, due dibattiti organizzati dal CBM: il primo alle 17.00 su genetica, prevenzione e longevità intitolato Active and healthy ageing; il secondo alle 18.00 su genetica, prevenzione e longevità dal titolo "Marcopolo 2010-2011: una spedizione scientifica su gusto, preferenze alimentari
e salute". Tra i relatori, il professor Gianni Biolo del gruppo di ricerca Metabolismo e Nutrizione dell'ateneo triestino e Simona Cerrato di Sissa Medialab, che presenterà anche gli ultimi sviluppi del progetto "Via della Seta". In entrambi i casi i genetisti presenti risponderanno a domande e curiosità del
pubblico.
Piazza Unità d'Italia
Ricca anche l'offerta in programma nello Stand incontri in Piazza Unità d'Italia. Alle 16.30 l'INFN propone le più grandi concentrazioni di energia, un incontro alla scoperta di sorgenti energetiche presenti fuori dalla nostra Galassia: particelle elementari, raggi cosmici e moderni acceleratori, dove si raggiungono le più
alte densità artificiali di energia.
Ma non si parla solo di ricerca alla Notte dei Ricercatori. C'è spazio anche per formazione, gestione, management, imprenditorialità. Alle 16.30 è infatti in programma la tavola rotonda Gestire l'energia: carriere e nuove professioni, organizzata dal MIB. Quali profili e competenze cercano le aziende del settore, quali opportunità, come entrare da imprenditori nel business dell'energia e trovare i finanziamenti?
A rispondere, tra gli altri, Ivan Rebernik, (Enel Italia). Introduce Vladimir Nanut. Energia e ambiente: armonia o ostilità? È il titolo del dibattito pubblico, in programma alle 17.30, sul tema delle fonti energetiche in relazione a sostenibilità tecnico-economica, rendimento e impatto ambientale, alla luce delle crescenti richieste di energia a livello mondiale. L'incontro, organizzato dall'Università di Trieste e l'ICTP, vede, tra gli altri, la partecipazione di esperti quali Ugo Bardi, Corrado Clini e Maurizio
Fermeglia, coordinati dal giornalista scientifico Fabio Pagan.
Alle 19.30 è in programma Accento: ideas & music on energy, una conferenza spettacolo che alterna racconti scientifici, a cura di AREA, a momenti musicali dal vivo, a cura del Conservatorio di Musica G. Tartini.
Dalla caldaia che non inquina, alle celle combustibili, al biofuel, un'occasione per scoprire e conoscere, attraverso la voce di ricercatori e imprenditori, idee e tecnologie innovative in campo energetico.
A chiudere il programma delle conversazioni scientifiche, alle 20.30, Le energie degli astrofisici, evento a cura dell'INAF-OATs. Astrofisici di Trieste e Lubiana insieme per raccontare una storia di scoperte che ci avvicinano sempre più alla comprensione delle sorgenti che osserviamo nell'Universo, compresa l'elusiva
Energia Oscura. Tra coloro che condurranno le conversazioni Stefano Cristiani e Fabio Pasian.
Gli interventi di Dunja Fabjan e Toma? Zwitter saranno in lingua slovena.
Piazza della Borsa
Per il terzo anno consecutivo torna l'appuntamento con Street Science, in programma dalle 18.00 in Piazza della Borsa. La passione per la ricerca tra difficoltà e ostacoli, piccole e grandi vittorie di uomini e donne che si dedicano alla scienza, raccontate per la strada in chiacchierate scientifiche informali. L'iniziativa è a
cura di ICTP e Sissa.

SCIENZA IN MOSTRA
Per riflettere sulle contaminazioni fra arte e scienza o per scoprire la creatività e la bellezza che si nascondono nei prodotti della ricerca e della tecnologia, STAR propone ai visitatori un percorso artistico in
tre tappe.
La Sala Comunale d'Arte di Piazza Unità d'Italia ospiterà le prime due:
La scienza è donna, mostra fotografica organizzata dal Consorzio per l'Area di Ricerca Scientifica e Tecnologica di Trieste, racconta il lato femminile della ricerca attraverso una serie di immagini scattate nei laboratori del sistema scientifico triestino e risultato di un concorso fotografico rivolto ai ricercatori degli
Enti.
Una serie di scatti catturati tra momenti di lavoro e di vita privata in cui curiosità, generosità, intuito, fecondità sono gli elementi di una sequenza visiva.
Nella stessa sala si potranno ammirare 21 opere, scelte fra quelle del concorso Arte o Scienza? Immagini di energia, rivolto a studenti e ricercatori attivi nelle Università e negli Enti di Ricerca e organizzato da Università di Trieste, Immaginario Scientifico e Sincrotrone Trieste, con il supporto del Rotary Trieste, del
Centro per la Promozione delle Neuroscienze e del Centro Interdipartimentale per le Neuroscienze BRAIN dell'Università di Trieste. Dalle fotografie naturalistiche alle inquadrature al microscopio, i visitatori ammireranno una serie di immagini nate in ambito scientifico, alle quali si possa però attribuire un valore
artistico. Le dieci opere più belle, stampate in formato 6x3 metri, animano già dal 12 settembre le strade cittadine.
Art&Science/Science&Art è la mostra ospitata alla Camera di Commercio e organizzata dal Centro Internazionale di Fisica Teorica "Abdus Salam" (ICTP): un viaggio per immagini e colori fra gli elaborati di dodici artisti, fotografi e scultori, invitati a riflettere sull'equazione Arte = Energia. E ricordando che al pari dello scienziato, l'artista non inventa, ma scopre (Giorgio De Chirico).
Le mostre La scienza è donna e Arte o Scienza saranno inaugurate venerdì 16 settembre, alle ore 17.00 presso la Sala Comunale d'Arte di Piazza Unità con la premiazione dei vincitori
Rimarranno aperte al pubblico fino al 23 settembre, osservando i seguenti orari:
? 16 settembre: ore 17.00 - 20.30;
? 17-22 settembre: ore 10.00 - 13.00 e 17.00 - 20.30;
? 23 settembre: ore 10.00 - 23.00.
La mostra Art&Science sarà inaugurata venerdì 16 settembre alle ore 18.00
presso la Camera di Commercio in Piazza della Borsa
Sarà visitabile dal 16 al 27 settembre, con i seguenti orari:
? da lunedì a venerdì: ore 9.00 - 19.00;
? venerdì 23 settembre: ore 10.00 - 23.00.

MUSICA E SPETTACOLI
Concerti e attività interattive per scoprire l'energia della musica come linguaggio universale: i musicisti del Conservatorio Tartini e i ricercatori dell'ICTP coinvolgono il pubblico con attività didattiche e concertistiche.
Nei tre laboratori, allestiti dai Dipartimenti di Musica e Nuove tecnologie e Didattica della Musica del Conservatorio Tartini nelle Sale della Camera di Commercio tra le 17 e le 23, viene enfatizzato lo scambio di energia fisica ed emozionale che ci può essere nella performance dal vivo tra l'esecutore e il pubblico. In
Ecosistema multimodale avviene un passaggio di informazioni tra energia acustica ed energia luminosa in cui lo spettatore è parte attiva; h è un'installazione interattiva sul simbolo che indica la costante di Planck, in cui è prevista la sonificazione di un fenomeno fisico osservato tramite una camera a nebbia; infine Eggs
(acronimo di Elementary Gestalt for Gesture Sonification) è un sistema in cui i movimenti di una persona sono trasformati in tempo reale in suoni e segni, grazie a sorgenti luminose applicate al corpo e rilevate mediante una telecamera.
Sul Palco di Piazza della Borsa alle ore 17 vanno in scena Le grandi colonne sonore: l'energia della musica in cui la musica è la fonte di energia che una colonna sonora conferisce ad un film. Nell'esecuzione dell'Ensemble di ottoni e percussioni del Conservatorio Tartini, diretto da Romolo Gessi, si potranno ascoltare alcune delle partiture più brillanti realizzate per il grande schermo. Mousikòs Energéion, ovvero il suono di Pan elektron e jazz è il titolo del concerto che si svolge nella
Sala del Ridotto Victor De Sabata alle 18, un progetto didattico performativo di Marco Maria Tosolini che mira a coinvolgere il pubblico con storia e memoria: musicisti del Dipartimento di Jazz e di Musica e Nuove tecnologie del Conservatorio Tartini reinventano creativamente alcune melopee della Grecia antica, che
costituiscono l'inizio del patrimonio scritto della storia della musica.
Infine ICTP propone Music is energy sul Palco Piazza della Borsa, dalle 21 alle 23: un finale effervescente accompagnato dalle note musicali di alcune band composte da scienziati. Ad animare la serata con melodie popolari latino americane sono i "Chirike", il cui nome significa stella in varie lingue indigene del
Venezuela. Jazz e boogie woogie sono i ritmi di scena proposti da "Stefano Franco and the Plunder Horns", mentre i "MoonUNITS" ci fanno ascoltare pezzi popolari di musica blues, folk e rock.

ESCURSIONI TRA MARE E CIELO
C'è una linea all'orizzonte in cui mare e cielo si toccano e si confondono. È la stessa linea che unisce le proposte intitolate Escursioni tra mare e cielo, in programma per l'edizione 2011 de La Notte dei Ricercatori.
A trasportare il pubblico sulle onde del mare ci penserà il Delfino Verde: una prima corsa, Energia sul mare, è prevista alle ore 16.30, in compagnia dei ricercatori di OGS, Stefano Querin e Vanessa Cardin, che racconteranno al pubblico i mille volti che può assumere l'energia del mare. Onde, correnti, maree, tsunami sono espressione di energia pura. Ma gli oceani sono anche importanti regolatori del clima, scambiano calore con l'atmosfera e nutrono parte della popolazione mondiale poiché ospitano moltissime varietà di pesci.
Perché non usare tutta questa energia gratuita per fini positivi?
Se è vero che le profondità marine celano ancora molti misteri, il cielo stellato non è da meno.
Due corse a bordo del Delfino Verde (alle 20.30 e alle 22.00), con i ricercatori dell'INAF-OATs Conrad Böhm, Daniele Tavagnacco, Michele Maris e Sergio Monai, porteranno il pubblico a toccare il cielo sul Golfo di Trieste con un dito. Sopra coperta i ricercatori descriveranno la volta celeste quale ci appare in questa parte
dell'anno: il cosiddetto "triangolo estivo" formato dalle stelle Vega, Veneb e Altair, ma anche la più familiare Orsa Maggiore, Cassiopea e molte altre. Con l'aiuto di un puntatore laser, il pubblico imparerà a individuare e a riconoscere le principali stelle. Sotto coperta, via libera alle curiosità e alle domande, cui i ricercatori
dell'Osservatorio astronomico saranno lieti di rispondere.
Per i più temerari, Piazza Unità offre una sorpresa, a cura dell'Immaginario Scientifico e dell'Università di Trieste: dalle 14.30 alle 16.30 e dalle 18.30 alle 20.30 una gigantesca mongolfiera riservata ai ragazzi dai 10 ai 14 anni porterà i più temerari a volteggiare in cielo. La mongolfiera ha un volume di 3.000 metri cubi,
e salirà fino a 20 metri. Il suo peso? Circa 950 kg con un carico utile di 400 kg. Ma come fa a galleggiare?
La mongolfiera galleggia in aria in base alla legge di Archimede e il suo sostentamento è dovuto alla forza ascensionale della bolla d'aria calda resa meno densa, e quindi più leggera, dal fuoco dei bruciatori. Provare per credere!
Per partecipare a tutte le attività sul Delfino Verde è necessaria la prenotazione,
da effettuare dal 9 al 21 settembre telefonando al numero 040 224337
(da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00)
oppure il 23 settembre stesso presso l'Info Point di Piazza Unità, a partire dalla ore 13.00.

2011 - ANNO DELLA CHIMICA
Due iniziative speciali celebrano l'Anno Internazionale della Chimica, proclamato dalle Nazioni Unite per celebrare le conquiste della chimica e il suo contributo al benessere dell'umanità. Chimica, letteratura e teatro si mescolano in Ascoltando Primo Levi, chimico e scrittore, conferenza
spettacolo a cura di Giorgio Cevasco, con l'intensa e viva partecipazione dell'attrice e autrice teatrale Francesca Isola. Questa la particolare formula curata dall'Università di Trieste: l'incontro, già proposto in diverse sedi italiane, non ha solo lo scopo di far conoscere e apprezzare Primo Levi, ma anche di mettere in evidenza il ruolo fondamentale della chimica nella sua vita e nella sua attività letteraria. L'evento, che si terrà dalle 20.00 alle 21.15 nella Sala Maggiore della Camera di Commercio di Trieste, in Piazza della Borsa 14, sarà introdotto da Cristina Benussi, Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università degli Studi
di Trieste.
Il contributo della filatelia alla conoscenza della chimica sarà invece protagonista della mostra allestita presso il Museo Postale e Telegrafico della Mitteleuropa, in Piazza Vittorio Veneto 1.
L'esposizione ripercorrerà brevemente le circostanze in cui la filatelia ha incrociato la storia della chimica, illustrando l'impiego di temi iconografici provenienti dal mondo della chimica come soggetto di francobolli commemorativi e di altri documenti filatelici. La mostra è a cura dell'Università di Trieste, del Museo
Postale e Telegrafico della Mitteleuropa di Trieste e del Centro Unesco Trieste e con il patrocinio della Società Chimica Italiana. L'esposizione rimarrà aperta dal 14 al 29 settembre, da lunedì a sabato con orario
9.00-13.00, il giovedì anche dalle 15.00 alle 18.00. In occasione della Notte dei Ricercatori, venerdì 23
settembre rimarrà eccezionalmente aperta dalle 9.00 alle 20.00.
Tutte le informazioni sul programma sono disponibili sul sito www.nottedeiricercatoritrieste.it.
Il progetto STAR è coordinato dall'Università degli Studi di Trieste e organizzato da Provincia e Comune di Trieste, Science Centre Immaginario Scientifico (IS), Area Science Park, Centro di Biomedicina Molecolare (CBM), Conservatorio di Musica "Giuseppe Tartini", Sincrotrone Trieste, Centro Internazionale di Ingegneria Genetica e Biotecnologia (ICGEB), Centro Internazionale di Fisica Teorica "Abdus Salam" (ICTP), Istituto Nazionale di Astrofisica - Osservatorio Astronomico di Trieste (INAF-OATs), Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN), Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) e Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati (SISSA)
con la collaborazione di Europe Direct, Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente del Friuli Venezia Giulia (ARPA
FVG), Ente Regionale per il Diritto e le opportunità allo Studio Universitario (ERDISU), Fondazione Internazionale Trieste per il Progresso e la Libertà delle Scienze (FIT), MIB School of Management, Poste Italiane, Società Chimica Italiana (SCI), Academy of Sciences for the Developing World (TWAS), Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), Welcome Office Friuli Venezia Giulia e Scuola di musica 55 / Casa della
Musica di Trieste con il contributo di Fondazione CRTrieste, ZKB - Credito Cooperativo del Carso, Fondazione Benefica Kathleen
Foreman Casali, Camera di Commercio Trieste e Friulia con il supporto tecnico di Flash, Bip Computer, AcegasAps, Mima Sport Due, Pr1me Club,
Circolo Canottieri Saturnia Trieste, p.èn.lab
media partner
Il Piccolo, RadioInCorso, Radioattività

ASPETTANDO LA NOTTE...
Consolidando il format sperimentato nella precedente edizione, anche quest'anno La Notte dei Ricercatori 2011, parte di mattina e dedica la sezione del programma intitolata Aspettando la Notte... interamente alle scuole: dalle 9.00 alle 15.00 laboratori didattici, esperimenti interattivi, gite in mongolfiera, incontri e
conferenze-spettacolo riservati agli studenti dalle primarie alle secondarie di II grado.
Si parte con i Laboratori per pensare dell'Immaginario Scientifico, con le attività didattiche informali e gli esperimenti interattivi sul tema dell'energia nell'ambito della chimica, della fisica e dell'ambiente, che si svolgono alla Casa della Musica, nella Sala del Torchio e presso lo stand dell'IS, dove le divertenti postazioni
interattive di Energia: istruzioni per il futuro permettono di sperimentare la fisica dell'energia e delle sue trasformazioni.
Presso il proprio stand l'Università di Trieste si dedica alla produzione di idrogeno in risposta alla crescente domanda energetica, con l'attività, realizzata in collaborazione con l'ITI A. Volta di Trieste, Idrogeno: vettore energetico, mentre la presentazione Sistemi elettrici per lo sfruttamento energetico è incentrata
sulla produzione di energia elettrica a partire da fonti rinnovabili.
L'OGS propone nel proprio stand il laboratorio I gas idrati: l'energia del futuro, alla scoperta di questi composti solidi formati da acqua e gas, attraverso una serie di esperimenti per capirne il funzionamento e osservare la combustione di alcuni frammenti.
A disposizione dei ragazzi da 10 a 14 anni c'è addirittura una mongolfiera: con Staccando l'ombra da terra, a cura dell'Università di Trieste e dell'Immaginario Scientifico, fra le 10.30 e le 12.30 si può provare l'emozione di volare su Piazza Unità d'Italia, cogliendo l'occasione per affrontare la fisica degli aerostati, imparare cos'è la densità di un fluido e come si applica il principio di Archimede anche nell'aria.
Nello Stand incontri in Piazza Unità, a partire dalle 10.00 fino alle 14.30, gli studenti diventano docenti e presentano ai loro coetanei ricerche e lavori sull'energia effettuati in classe: il Liceo Galilei di Trieste si racconta nella presentazione dell'esperienza di viaggio Fisica delle Alte Energie: visita al CERN.
Gli studenti del Liceo Oberdan di Trieste, del Grigoletti di Pordenone e dell'ITI Malignani di Cervigano parlano di Raggi cosmici sulla Terra: energia dello spazio; sempre il Grigoletti di Pordenone e l'ITI Volta di Trieste si occupano di Energia nucleare: rischio contaminazione? mentre il Liceo Carducci di Trieste si interroga
sull'Ecosostenibilità delle fonti energetiche alternative. I ragazzi più giovani della Scuola Divisione Julia di Trieste illustrano invece il Prototipo di reattore per gas idrati Crystal.
Nell'attività Il cielo virtuale, a cura dell'Osservatorio Astronomico di Trieste, astronomi in erba illustrano ai loro compagni immagini di stelle e galassie, mentre AREA Science Park e il Conservatorio di musica Tartini propongono Accento: ideas & music on brain, originale conferenza-spettacolo che alterna racconti
scientifici a momenti musicali.
Giovani aspiranti giornalisti scientifici partecipano a Energia tra scienza, media e pubblico, il laboratorio delle 10.30 curato dal Master in Comunicazione della Scienza della SISSA presso la Sala Matrimoni del Comune, cimentandosi nella stesura di articoli sul tema dell'energia, che saranno impaginati, stampati ed esposti.
Fra le 10.00 e le 14.00 si va a Lezioni d'Europa nello European Corner, dove lo Europe Direct del Comune di Trieste propone attività su cosa rappresenta, di cosa si occupa e come funziona l'Unione Europea, promotore della Notte dei Ricercatori in tutta Europa.
Quattro sono infine i diversi tour guidati a disposizione delle scuole secondarie di I e di II grado, dalle 10.00
alle 15.00, per destreggiarsi attraverso le attività per le scuole negli stand della piazza e per conoscere i numerosissimi ricercatori presenti.
Le attività per le scuole sono su prenotazione, da effettuare dal 9 al 21 settembre telefonando al numero 040 224337 (da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 17.00).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Venerdi' 23 settembre. Notte dei Ricercatori: il Programma

TriestePrima è in caricamento